SHARE

Benitez

Il Napoli nelle ultime uscite, al di là delle vittorie contro Inter e Arsenal, è risultato essere molto appannato, evidenziando lacune molto pesanti per una squadra che ambisce al titolo; defezioni che risultano visibili ad occhio nudo soprattutto in difesa, dove la squadra partenopea fa acqua da 8 partite consecutive, e a centrocampo, dove i vari Inler, Behrami e Dzemaili, garantiscono sì un discreto numero di palloni recuperati, ma senza abbinare però alla quantità anche una qualità sufficiente a costruire azioni offensive di rilievo, dilapidando così quasi la totalità dei palloni riconquistati a metà campo. Siamo ormai giunti alla sosta, e dopo l’ultimo match pre-natalizio che ha visto gli azzurri pareggiare a Cagliari non offrendo una grandissima prestazione, anche Rafa Benitez sembra essersi reso conto che manca qualcosa. Capita così ad hoc la fase di calciomercato invernale, da sempre definito mercato di riparazione, che servirà alla dirigenza azzurra per dare ciò che manca al tecnico spagnolo, il quale sembra aver richiesto un terzino sinistro, un centrocampista e un difensore centrale.

SPESE DI GENNAIO – Per la difesa ecco l’elenco che ha riportato ‘Tuttosport’: Daniel Agger, pupillo di Benitez che il Liverpool potrebbe cedere solo per una cifra alta; Thomas Vermaelen, centrale belga dell’Arsenal che quest’anno ha avuto, per via di qualche problemino fisico, un minutaggio inferiore, con costo che si aggira sui 12/15 milioni;  Kyriakos Papadopoulos dello Schalke 04 (15 milioni); il partenopeo Salvatore Bocchetti dello Spartak Mosca (14 milioni), che ogni tanto ritorna ad essere accostato agli azzurri; Younés Kaboul (27anni) col contratto in scadenza al Tottenham; Kurt Zouma (19 anni) del Saint-Etienne (7 milioni), anche nel giro della nazionale giovanile; il brasiliano Neto (25 anni) dello Zenit San Pietroburgo (6 milioniI) ex Siena, quindi già con esperienza nella nostra Serie A; Andrea Ranocchia dell’Inter una 15ina di milioni circa oppure Davide Astori (26 anni) del Cagliari (14 milioni) per rimanere in Italia, ma che risultano iper-valutati. Oltre a Nicolas N’Koulou, accostato già in estate al Napoli, ma che ha un costo decisamente elevato (20 milioni).

Per quanto riguarda la metà campo i nomi che circolano presentano solamente un paio di new entry: Maxime Gonalons anche lui già nel mirino del Napoli in estate, con un costo che si aggira sui 12/15 milioni di euro; Blaise Matuidi del PSG che ha il contratto in scadenza a fine anno; Lucas Leiva, pupillo di Benitez ai tempi del Liverpool, anche lui con il contratto in scadenza 2014; Ivan Rakitic, oggi al Siviglia (15 milioni), Dani Parejo del Valencia (10 milioni) e Rio Mavuba del Lille (9 milioni).  Non poteva mancare Radja Nainggolan del Cagliari, inseguito praticamente da mezza Serie A, ma che ancora non ha una destinazione certa. Chissà che Bigon non ne abbia discusso con Cellino sabato sera al Sant’Elia. E per chiudere il nome che fa più sognare la tifoseria partenopea è sicuramente quello di Javier Mascherano, del Barça che i caso di chiamata di Benitez potrebbe sbarcare all’ombra del Vesuvio.

Il mercato non è neanche iniziato, ma i fuochi d’artificio sono già pronti ad esplodere.

SHARE