SHARE

borjavalerorinnovo

Dicembre sotto le feste, nessun altro momento potrebbe essere più adatto per discutere di rinnovi, soprattutto se da entrambe le parti c’è il desiderio di continuare sulla strada comune, questo in poche battute è il rapporto Fiorentina Borja Valero. Un idillio quello nato poco meno di due anni fa tra una squadra, quella viola appunto, in cerca di rinascita dopo due anni a dir poco fallimentari e un giocatore voglioso di riscatto dopo un’incredibile retrocessione in quella che fino a poco prima sembrava una realtà di primo piano del calcio iberico come il Villareal.

IL RINNOVO Pradè e Macia si sarebbero mossi per tempo per chiudere celermente la questione del rinnovo, in tal senso la data della firma potrebbe avvenire nella prima settimana di febbraio 2014, al giocatore, che al momento percepisce un compenso pari a 1,4 mln di Euro con scadenza nel 2016 e opzione sul 2017, sarebbe adeguato il contratto con un sostanzioso aumento e formula “a gradini” che gli permetterebbe di guadagnare fino a 2 mln di Euro a stagione nel 2017/18.

La Fiorentina continua quindi la sua campagna di rafforzamento blindando uno dei suoi pezzi pregiati nonchè uomo spogliatoio e immagine del nuovo corso di stampo Montella, non è un caso che Borja Valero sia stato definito dall’allenatore stesso come “La Squadra”. Il centrocampista spagnolo ex cantera Real Madrid sembra entusiasta del clima trovato a Firenze e dell’amore espresso dai tifosi nei suoi confronti, il suo approccio con la città è stato molto intenso, l’uso dei social network come Twitter con i tanti cinguettii a favore del capoluogo toscano e dei suoi abitanti hanno conquistato tutti, il resto è stato fatto sul campo dal giocatore stesso che, a colpi di prestazioni da incorniciare, ha convinto anche i suoi iniziali detrattori, sfatando quindi il mito che vedeva i giocatori spagnoli incapaci di incidere nel nostro campionato.

Dopo di lui sarà il turno di Gonzalo Rodriguez e non è da escludersi un possibile adeguamento del contratto anche per Giuseppe Rossi con conseguente innalzamento della clausola rescissoria, che oggi ammonta a 35 mln di Euro, che i Della Valle vorrebbero rivedere alla luce delle prestazioni di primissimo livello del campione italo-americano.

SHARE