SHARE

Alvaro Recoba

Nel corso della lunga presidenza Moratti sono stati tantissimi i campioni che hanno indossato la maglia neroazzurra ma, come sarà noto a molti, il pupillo dell’ex presidente (soprattutto dopo l’addio di Ronaldo) è stato e sarà sempre Alvaro El Chino Recoba. Coinvolto in uno speciale di SKY, vi proponiamo le parole dell’attuale n.20 del Nacional.

Inter grande famiglia – “All’Inter mi sono sentito subito parte integrante. Massimo Moratti e tutta la sua famiglia mi sono stati vicino. Ho grandissima stima, soprattutto per la persona. La prima partita col Brescia segnò la mia storia nell’Inter nei confronti di tutti, con quella doppietta.”

Tanti sacrifici ma tante vittorie – “Moratti ha investito tantissimo per arrivare a qualcosa che sembrava impossibile. Non ha mai fatto caso a quanto ha speso, e se penso che fino al 2007 l’Inter aveva vinto solo una Coppa Uefa. Poi però Moratti è stato ripagato di tutti i sacrifici, con gli scudetti e la Champions League del 2010. Qualche volta si è anche arrabbiato molto, e quelli sono stati dei momenti difficili.”

Ecco perché il 20 – “Appena arrivai, Moratti mi disse che valevo il doppio della 10, che era indossata da Ronaldo, e quindi mi diede da indossare la numero 20.”

L’arrivo di Thohir – “Pochi club hanno presidenti tifosi come lo è stato Moratti con l’Inter, quindi mi risulta difficile immaginare il club senza di lui. All’Inter sono stato felice come forse non lo sarei mai stato in nessun altro club.”

SHARE