SHARE

the-fa-cup

Il calcio d’oltremanica non si ferma mai. Dopo i tre turni che ci hanno accompagnato durante le vacanze di Natale, i campionati inglesi andranno in pausa e riprenderanno l’11 Gennaio.  A sostituirli ci sarà una competizione più romantica e affascinante, la più antica del mondo: stiamo parlando della FA Cup. Oggi entreranno in gioco per il terzo turno le 20 partecipanti alla Premier League e le 22 partecipanti alla Championship, che si andranno ad aggiungere alle 20 squadre che hanno superato il turno precedente. Fra queste, solamente 3 non sono squadre professionistiche: il Kidderminster Harries, il Macclsfield Town e il Grimsby Town. In questa edizione ( la 133esima) ha partecipato per la prima volta una squadra dell’isola di Guernsey, il capoluogo delle isole del Canale. La squadra locale, il Guernsey FC, è stato però eliminato nei primissimi turni di qualificazione.

UN PO’ DI STORIA – La competizione nasce nel 1871 e in origine comprendeva solo squadre dilettantistiche. Il primo trofeo fu vinto dai Wanderers Football Club, squadra del quartiere londinese Batterrsea, che il 16 Marzo 1872 batterono per 1-0 il Royal Engineers Football Club, la squadra che rappresentava il corpo degli ingegneri dell’armata britannica e famosa per essere stata grande promotrice del moderno stile di gioco “Tiki Taka”, con un gol al 15’ di Morton Betts. Nel 1883 la competizione fu aperta anche ai club professionistici, ed il Blackburn Olympic fu la prima squadra tale a portarsi a casa il trofeo: 2-1 all’Old Etonians Football Club il 31 Marzo del 1883. Da allora la coppa è andata avanti ogni anno, salvo i periodi fra il 1916 e il 1919 e fra il 1940 e il 1945 a causa delle due guerre mondiali ( nel 1940 la coppa era partita, ma venne interrotta), con sempre più squadre protagoniste. Il record di squadre partecipanti è stato registrato nelle stagioni 2008-2009 e 2009-2010, quando furono ben 762 le formazioni a contendersi il trofeo.

L’ALBO D’ORO – Le finali si sono sempre giocate a Wembley dal 1922. Dal 2000, in seguito alla chiusura dello stadio, si è passati al Millenium Stadium di Cardiff, per poi tornare al nuovo Wembley nel 2007. La squadra che ha vinto più trofei è il Manchester United, con 11 titoli. Seguono l’Arsenal a 10, il Tottenham a 8, il Liverpool, il Chelsea e l’Aston Villa a 7, il Newcastle e il Blackburn a 6, l’Everton, il West Bromwich, il Manchester City e i Wanderers a 5, il Wolverhampton, il Bolton e lo Sheffield United a 4, lo Sheffield Wednesday e il West Ham a 3, l’Old Etonians, il Preston NE, il Portsmouth, il Sunderland, il Nottingham Forrest e il Bury a 2, l’Huddersfield Town, l’Oxford University, il Royal Engineers, il Derby County, il Leeds United, il Southampton, il Burnley, il Cardiff (unica squadra non inglese a vincere), il Blackpool, il Clapham Rovers, il Notts County, il Barnsley, il Charlton, l’Old Carthusians, il Blackburn Olympic, il Bradford City, l’Ipswich Town, il Coventry City, il Wimbledon FC e il Wigan a 1. Per 11 volte è stato realizzato il Double, consistente nella vittoria di Campionato ed FA Cup. La prima squadra ad eseguirlo fu il Preston North End nel 1888-1889 (che fu tra l’altro l’anno del primo campionato inglese della storia). Il Tottenham nel 1901 è riuscita a vincere il trofeo militando nella terza serie: un record tutt’ora imbattuto, perché chi ha vinto ha sempre militato nella massima divisione.Nella scorsa edizione il Wigan è riuscito nella “impresa” di vincere il trofeo (1-0 sul Manchester City) e di retrocedere dalla Premier League.

I MATCH DI OGGI – Nella giornata odierna le big in campo saranno il Manchester City a Blackburn,  l’Everton in casa contro il QPR e l’Arsenal di scena nel derby contro il Tottenham. Domenica invece il Manchster United riceve lo Swansea, il Liverpool affronta l’Oldham Athletic mentre il Chelsea sarà impegnato sul campo del Derby County. Le regole sono sempre le stesse: partite che durano 90’ minuti, e in caso di parità si rigioca a campi invertiti. Nel caso in cui anche i “replay” finiscano pari, si andrà avanti con tempi supplementari e rigori. Non ci sono teste di serie, ergo ogni squadra in ogni turno può affrontare chiunque. E nessuna gara è così scontata, in perfetto stile inglese. Siamo pronti, the “Rocky Road to Wembley” è iniziata.

SHARE