SHARE

2Si sono svolti ieri i funerali di Eusebio, il campione portoghese morto pochi giorni fa a 71 anni, alle ore 16 italiane nei pressi dello stadio Da Luz di Lisbona. In conformità però con i desideri di Eusebio, prima dei funerali la sua bara ha fatto un giro dello stadio, dove dal pomeriggio di sabato era stata allestita una camera ardente per dare la possibilità ai tanti tifosi di rendere omaggio al feretro della Pantera Nera. Nel week-end in Portogallo tutti gli incontri di calcio sono stati preceduti da un minuto di silenzio in memoria del campione scomparso.

Il corpo del campione è arrivato nella  mattinata di sabato allo stadio Da Luz accolto da una folla di tifosi visibilmente emozionati  che hanno acclamato il loro idolo cantando a squarciagola l’inno portoghese. Poi alle 11:30 è stata aperta la camera ardente all’interno dello stadio;  il feretro successivamente è stato portato in corteo per le vie di Lisbona per poi giungere alla  alla chiesa del Seminario per il funerale vero e proprio. Intanto fuori dallo stadio un’autentica “processione” di persone si è recata davanti alla statua della Pantera Nera, che si trova davanti allo stadio, per deporre fiori, maglie del Benfica, sciarpe (una è stata messa al collo della statua), foto, bandiere del Portogallo e messaggi di amore per colui che è stato e sarà sempre un simbolo del Benfica, club con cui Eusebio vinse 11 titoli nazionali, 5 Coppe del Portogallo e la Coppa dei Campioni. Su un muro dello stadio alcuni tifosi hanno appeso un’enorme bandiera con il volto dell’ex fuoriclasse.

Queste le parole con cui il Presidente della Repubblica Portoghese, Cavaco Silva, ha reso omaggio a Eusebio: “Il Portogallo ha perso uno dei suoi figli più amati, che tanta gloria aveva dato al nostro paese. Il modo migliore per omaggiare la `Pantera Nera´ è quello di seguire il suo esempio di campione ed essere umano. Un campione che ha lottato tanto per ottenere le sue vittorie, e una persona che ha sempre avuto con gli altri un rapporto caloroso, di affetto e reciproco rispetto”

SHARE