SHARE

amauri

 

Dal 30 marzo 2013, precisamente da circa otto mesi, Amauri Carvalho de Oliveira non riusciva a trovare la via del gol.

Finalmente domenica scorsa, nel match al Tardini contro il Torino di Ventura, l’attaccante italo-brasiliano è  tornato ad esultare realizzando un gol cercato e voluto a tutti i costi. Al termine del match  ha espresso la gioia per il gol ai microfoni di Sky Sport: “Cercavo il gol da tanto tempo. Quest’anno la stagione era iniziata bene poi con il cambio di modulo mi sono seduto tante volte in panchina. Già con la Samp avevo fatto una grande partita e il mister sa chi c’è in rosa… Io sono una persona che non molla e lavoro sempre bene. Questa vittoria è importante, e per ora è una buona stagione vediamo più avanti dove possiamo arrivare”.  

Quando un attaccante non riesce a segnare da così tanto tempo attraversa un periodo di crisi nera: la panacea di tutti i mali è proprio la gioia del gol che azzera di conseguenza tutte le critiche precedenti. L’ultima rete, appunto, risaliva alla scorsa stagione, precisamente al 30 marzo 3013 nel match casalingo contro il Pescara, vinto dal Parma per tre a zero. All’inizio della nuova stagione dopo cinque presenze da titolare, Amauri non è riuscito a trovare continuità   a causa sia di due turni di squalifica per un’espulsione diretta che dei soliti problemi muscolari. Nell’ultima partita di campionato, Donadoni ha così sorpreso tutti mandando in campo la prima punta crociata e  facendo riposare Antonio Cassano: l’ex attaccante di Juve e Palermo ha ripagato la fiducia del suo tecnico con un grande gol di potenza e precisione.

Ora, però, l’attaccante italo- brasiliano non intende fermarsi e i tifosi del Parma si augurano che continui a segnare altri gol importanti.

SHARE