SHARE

behrami

Tra Maxime Gonalons costretto a rifiutare il trasferimento e Radja Nainggolan che sfuma per approdare a Roma, il Napoli si ritrova a dover fare a meno anche di Valon Behrami.

Negli ultimi giorni l’infortunio del centrocampista svizzero era diventato un vero e proprio caso. Già assente nel primo match del 2014 Valon Behrami era stato visitato dal professor Mariani presso Villa Stuart, circa due settimane fa. Scongiurata la frattura del dito del piede, il consulto aveva messo in luce una distrazione all’alluce da curare con delle terapie. La stessa società azzurra aveva escluso l’ipotesi della frattura dopo un ennesimo consulto in Germania.

Tutto sembrava definito, ma proprio ieri sera Valon Behrami ha utilizzato Twitter per esternare la sua preoccupazione “Parlano molte persone senza avere il quadro della situazione, cosa che in questo momento non abbiamo neanche noi”. In poche parole il calciatore non è convinto della soluzione terapeutica e spinge per l’operazione in modo da scongiurare eventuali problemi per giugno.

In mattinata arriva la conferma e la scelta da parte del 28enne ex Fiorentina e Lazio di operarsi. Ecco le sue dichiarazioni riportate dalla federazione svizzera:

È da un mese che ho questi dolori”, spiega il giocatore. “Negli ultimi giorni il dolore è aumentato, perciò ho deciso di sottopormi all’intervento. Ma sarò di ritorno tra sei settimane!”

Proprio poco fa è arrivata la risposta della società partenopea: “La SSC Napoli, in accordo con Valon Behrami, comunica che il calciatore effettuerà nei prossimi giorni un ulteriore consulto con uno specialista di fama internazionale per stabilire se l’operazione al piede sarà necessaria o meno”.

Un brutto colpo per la società azzurra che ora si ritrova con soli tre centrocampisti: Gokhan Inler, Blerim Dzemaili e Josip Radosevic. Ora si dovrà cercare sul mercato almeno due mediani in grado di alzare il tasso tecnico (il Napoli era già a caccia di un elemento) e colmare anche l’assenza dello svizzero. Intanto per la partita di Verona prende corpo l’ipotesi, in caso di emergenza, di arretrare Marek Hamsik a metà campo. Lo slovacco è pronto al rientro dopo l’infortunio che lo ha tenuto fermo per circa un mese.

SHARE