SHARE

Vicenza - SassuoloEcco le pagelle di Sassuolo-Milan stilate dalla redazione di Maidirecalcio.com:

MILAN

Abbiati: 5.5 Prende il secondo gol di Berardi colpevolmente sul suo palo, per il resto soffre una difesa che incappa in una serata disgraziata.

De Sciglio: 5 Spinge poco nel primo tempo, nel secondo non supera quasi mai la metà campo. Soffre molto le avanzate di Kurtic.

Zapata e Bonera: 4 Serata da incubo per i centrali del Milan che hanno responsabilità su tutti e 4 i gol subiti; il secondo è un orrore di Bonera che serve Berardi sbagliando l’intervento su Zaza, mentre lasciano segnare indisturbato Berardi in occasione del terzo e del quarto gol. Soprattutto Bonera dopo l’errore sembra perdere la testa e un giocatore della sua esperienza non se lo può permettere.

Emanuelsson: 5.5 Spinge di più rispetto a De Sciglio ma raramente trova il fondo. Impreciso nel fraseggio stretto, in occasione del primo gol si perde il movimento, seppur intelligente, di Berardi.

Nocerino: 5 L’ex Juve e Palermo sembra non essere più un giocatore del Milan. Fuori dal gioco della squadra non fa nulla nemmeno per interdire perdendosi nel giro palla del Sassuolo.

De Jong: 6 Davanti alla difesa è un lottatore ma soffre la superiorità numerica a centrocampo del Sassuolo. La squadra non lo aiuta e si ritrova a combattere da solo contro più avversari.

Cristante: 6 Il meno colpevole della disfatta rossonera perchè finchè la squadra ha funzionato ha fatto il suo servendo anche l’assist per il gol di Balotelli. Pecca un pò di personalità estraniandosi dal gioco nel momento di maggiore difficoltà.

Kakà: 5,5 Parte bene il brasiliano ma poi va perdendosi via via che i minuti passano. Mentre il Sassuolo segna 4 gol Kakà comincia a innervosirsi commettendo anche falli che non sono da lui. Unica giustificazione: l’apporto del centrocampo alla manovra è pressochè nullo.

Robinho: 5 Gol a parte, prestazione apatica dell’ex City e Real. Fa da spettatore non pagante dopo i primi dieci minuti fatti a buon livello, troppo poco.

Balotelli: 6- Non trascendentale la sua prestazione ma è comunque  il più pericoloso dei suoi fino alla fine. Accusa però lunghi momenti di inattività durante i quali non riesce ad incidere nei meccanismi di squadra e il reparto offensivo ne risente.

Montolivo: 6 Rientra da un infortunio e se non altro ha il merito di accorciare le distanze dando speranza alla squadra. Negli ultimi minuti di forcing disperato dai suoi piedi nascono le offensive più pericolose.

Pazzini: 5 Partecipa al forcing finale lottando e facendo a sportellate con i difensori neroverdi e il suo ritorno rappresenta uno dei pochi motivi di speranza per i tifosi del Milan. Il gol sbagliato però a porta spalancata non può che pesare nel giudizio della sua partita.

Honda: 6 Forse non il debutto che lui e tutti i sostenitori del giapponese sognavano ma l’ex CSKA ha il merito di fare più lui in mezz’ora che Robinho in un’ora di gioco. La squadra lo cerca spesso e lui fa capire di avere qualità calandosi anche nel ruolo di leader ma la strada comincia in salita.

SASSUOLO

Pegolo: 7 incolpevole sui gol del Milan, per il resto una sicurezza.

Ariaudo 6: Il suo esordio è positivo, con una lieve colpa sul primo gol subito.

Antei: 6.5 Sgomita con Balotelli, lo marca e non si fa sovrastare mostrando una buona personalità.

Magnanelli: 6 Al Sassuolo dalla C2 sgomita in mezzo al campo fino alla fine, una sua leggerezza però causa il secondo gol del Milan.

Chisbah:  6.5 Morde che è un piacere ma sul primo gol del Milan pecca di sufficenza perdendo palla facilitando l’assist di De Jong per Robinho.

Longhi: 6.5 Fa cose semplici ma efficaci soprattutto in fase di spinta non trovando in De Sciglio un avversario insuperabile questa sera.

Kurtic: 6.5 Sfrutta le enormi difficoltà nel Milan a centrocampo imbrigliando i rossoneri con un buon giro palla per poi improvvisamente verticalizzare per le punte.

Ziegler: 6.5 Schierato a sorpresa nel trio offensivo gioca a tutto campo appoggiando l’azione del reparto d’attacco senza però scoprirsi, nasce terzino e si vede nell’attenzione alla fase difensiva.

Zaza: 6 Sgomita molto nella morsa della difesa rossonera ma apre gli spazi per le incursione di Berardi. Una sua iniziativa induce all’errore Bonera in occasione del vantaggio neroverde. Mostra qualche colpo interessante.

Gazzola: 6.5 Più preoccupato a mantenere la posizione che ad offendere, però lo fa con attenzione non permettendo a Emanuelsson molte sgroppate sulla sinistra.

Berardi: 9 Un marziano atterrato nella nebbia del Mapei Stadium. Solo Piola riuscì a segnare 4 gol alla sua età, questo può fare di lui un predestinato. Il ragazzo ha la testa sulle spalle e il fatto che non si presenti ai microfoni del dopogara per commentare i suoi 4 gol perchè non abituato alla luce dei riflettori ci fa ben sperare per lui e per un futuro radioso. Lesto nello sfruttare le pecche di una difesa del Milan in evidente difficoltà, si accolla il peso dell’attacco del Sassuolo con l’obiettivo di salvare la squadra neroverde. Alla Juventus intanto si sfregano le mani.

 

SHARE