SHARE

Walter

Dopo le due sconfitte consecutive del 2014 contro Lazio e Udinese, che tra le altre cose è costata l’eliminazione dalla Coppa Italia, l’Inter di Walter Mazzarri vuole rilanciarsi già dalla sfida contro il Chievo. In vista del posticipo di lunedì sera, che chiuderà il girone d’andata del campionato, consueta conferenza stampa del tecnico dei nerazzurri. Di seguito le parti più importanti selezionate dalla redazione di

Ripartire subito – “Il 2014 è partito male, non voglio più valutare le due sconfitte. Domani dobbiamo svoltare con l’aiuto di tutti e fare una grande gara. Metterla sul piano del gioco, sull’attenzione difensiva.”

Kovacic titolare ? – “A Udine ha fatto una giocata pazzesca. Ha doti enormi, ha grandi qualità, deve migliorare in fase offensiva e difensiva. Deve solo essere più concreto. Lo stiamo aiutando. Bisogna valorizzare i giocatori di talento.”

Allegri ha risposto bene – “Io non volevo fare un confronto con il Milan. Non mi interessava fare confronti se non per difendere quello che stiamo facendo con l’Inter. Non era un attacco ma una difesa dell’Inter. Non è da me fare confronti con altre squadre. Con Allegri ho un buon rapporto e secondo me ha risposto come doveva.”

Obiettivi stagionali – “In Coppa Italia siamo usciti: ho fatto scelte che potevano essere rischiose per dare anche delle indicazioni alla società per gennaio. Non si è mai detto che l’Inter doveva vincere la Coppa Italia. E in campionato mancano ancora tante partite. Se lavoreremo bene, vedremo alla fine dell’anno dove saremo arrivati. Quest’anno tutte le partite che abbiamo giocato le abbiamo giocate alla pari, nessuno ci ha mai messo sotto.”

Gioco deludente ? – “Non sono deluso. E’ normale che man mano le partite diventeranno più difficili, perchè gli avversari ti studiano. Anche a Napoli sono partito agevolmente con tante vittorie, ma per vedere una bella partita c’è bisogno di due squadre propositive, come il derby, dove le squadre erano molto aperte. Se l’avversario è chiuso diventa tutto molto più difficile. Anche a Roma gli episodi tecnici ci hanno detto no.”

Maluccio davanti – “Icardi non l’ho mai avuto. Appena l’ho messo mi ha risposto molto bene. Belfodil mi dimostrato che doveva essere ancora inquadrato come ruolo. Milito è un giocatore importante, speravo di averlo prima. C’è bisogno di gente come lui, di esperienza e carattere.”

Le parole di Thohir – “Tutti sanno che metto sempre il massimo del mio impegno, tutti mi vogliono bene e questa è la mia forza. Il Presidente parla con tutti, ma su di me non potrà mai dire niente a livello di motivazioni. Nel caso in cui mi dovessi accorgere che non ho le motivazioni di sempre sarei il primo a farmi da parte, come dovrebbero fare i giocatori. Voglio che mettano quello che ho dentro io”.

SHARE