SHARE

NEWS_1389728487_461967745

L’Atletico Mardrid di Simeone, che non perde da ben 19 partite, batte per 2-0 allo Stadio Vicente Calderon il Valencia e si guadagna il diritto di giocarsi i quarti di finale di Coppa del Re contro una tra Atletich Bilbao e Betis Siviglia. Il match d’andata del Mestalla di settimana scorsa era terminato 1-1.

LA PARTITA – Benchè il Valencia per superare il turno debba obbligatoriamente trovare il gol, a fare la partita è l’Atletico Madrid che però si affida a iniziative personali di Diego Costa. Come al 15′ quando l’attaccante dalla distanza impegna il portiere del Valencia così come dieci minuti dopo sempre il brasiliano naturalizzato spagnolo si crea lo spazio in mezzo all’area ma il suo tiro è deviato in angolo da un difensore avversario. Nel frattempo il Valencia si affida al contropiede rendendosi pericoloso solo al 20′ con un tiro da lontano di Helger Postiga, bloccato a terra da Courtois. Ma è a fine tempo che la squadra di Juan Antonio Pizzi si rende maggiormente pericolosa con Juan Bernat che servito in area dalla sinistra tira verso la porta di prima intenzione ma il portiere belga devia in angolo; sul successivo tiro dalla bandierina il colpo di testa di Postiga sorvola di poco la traversa. Il secondo tempo comincia con l’Atletico che passa in vantaggio al 51′ quando su calcio d’angolo di Gabi il portiere Guaita esce malamente, e sul secondo palo Godin spedisce in rete di testa quasi indisturbato. Al minuto 62 invece è Courtois a salvare la propria squadra quando prima su una girata acrobatica di Postiga, e poi su una botta d’esterno da fuori aria di Michel Herrero, il portiere belga si esibisce in due splendidi interventi. Nella successiva mezz’ora la pressione del Valencia si fa sentire ma l’Atletico di Simeone regge senza subire occasioni da gol, anzi raddoppia il punteggio a due minuti dalla fine grazie al colpo di testa di Raul Garcia su calcio d’angolo;  guadagnandosi così i quarti di finale di Coppa del Re.