SHARE

berisha

Walter Sabatini stavolta ci ha preso gusto. Dopo aver portato alla Roma Nainggolan, Paredes e Sanabria (quasi), il ds giallorosso è pronto a piazzare un altro colpo: stiamo parlando del giovane Valmir Berisha.

Sinistro di piede, centravanti puro di ruolo. Dotato di ottima tecnica e di un buon dribbling, ha un grandissimo istinto da rifinitore, è abile nelle finte e sa giocare spalle alla porta. Grande fisico, è un attaccante completo e in Svezia lo hanno designato come erede di Zlatan Ibrahimovic ( che come lui è di origine balcanica).

Nato in Albania il 6 Giugno del 1996, emigra in Svezia all’età di 2 anni. Lì inizia a giocare a calcio, mostrando fin da piccolo un grandissimo fiuto per il gol. Brilla nelle giovanili dell’Halmstands e a 16 anni viene chiamato in under 19, dove segnerà 8 reti in 11 partite. Viene convocato anche nella nazionale svedese under 17, dove segnerà 3 reti in 7 partite. Nella scorsa stagione avviene la definitiva esplosione. 7 gol in 13 partite e l’esordio nella formazione under 21, con 1 rete in 3 partite giocate. Cresce in altezza (1,82) e in fisico, diventando sempre più robusto e possente. La sua crescita lo porta a disputare i mondiali under 17 negli Emirati Arabi con la Svezia. Diventerà capocannoniere della competizione con 7 reti( 3 nella finalina per il 3-4 posto con l’Argentina) e guiderà la nazionale nordica al terzo posto finale.

In scadenza di contratto a giugno, la Roma lo può prendere per 330 mila euro beffando così il Sunderland. Resta solo da capire se arriverà in estate o se verrà aggregato alla Primavera di Alberto De Rossi per poter giocare anche nel Torneo di Viareggio. L’ennesimo colpo alla Sabatini per costruire anche in futuro una grande Roma.

SHARE