SHARE

308953_heroa

Riparte la Bundesliga con un match d’alta quota: il Bayern Monaco affronta la terza in classifica al BorussiaPark, dove il ‘Gladbach non ha mai perso in questo campionato. Guardiola schiera Lahm davanti alla difesa e, nonostante le assenze di Mandzukic, Ribery e Robben, il livello tecnico della squadra non sembra abbassarsi più di tanto. Favre punta, come è giusto che sia, sulla squadra tipo: Kruse e Raffael sono appoggiati da Arango ed Herrmann, nel collaudato 4-2-4.

Dominio Bayern, ma occhio a Kruse- i padroni di casa partono a spron battuto, attaccando a testa bassa nei primi minuti. Un lancio del portiere Ter Stegen, promesso sposo del Barcellona, trova impreparato Dante ma Kruse pasticcia e perde palla. Dopo ben due minuti si sveglia il Bayern, che comincia ad imporre il suo gioco: al 5′ Gotze supera con un pallonetto Domunguez e colpisce il palo dopo un tocco delizioso; due minuti dopo aggiusta la mira, depositando in rete su assist di Muller e portando in vantaggio i suoi. Il possesso palla dei bavaresi è ammaliante ed i movimenti di attacco si susseguono con una metodicità regolare ma imprevedibile. Nonostante tutto negli ultimi metri gli ospiti non pungono ed il Borussia prende coraggio: la difesa altissima di Guardiola, che fino a quel momento non aveva perso un duello, viene sorpresa da una rimessa laterale e Kruse, marcato ancora una volta in maniera approssimativa da Dante, spaventa Neuer che devia sul palo. Poco dopo tocca ad Arango, imbeccato da Herrman, sparare sui guantoni del portiere della nazionale tedesca. Un primo tempo sicuramente firmato Bayern, ma i padroni di casa vanno al riposo con la convinzione di poter creare ancora qualche grattacapo a Neuer e compagni.

Colpo di grazia dal dischetto, Ter Stegen non basta- Il ‘Gladbach cerca di concretizzare quanto di buono fatto nel primo tempo ma, così come nella prima frazione di gioco, gli attacchi non fanno male alla retroguarda ospite. Dall’altra parte, il Bayern riprende il suo palleggio e, quando entra in area, c’è poco da fare per gli avversari: in un batti e ribatti in cui Ter Stegen si oppone in maniera miracolosa su Gotze, il pallone rimbalza sul braccio di Stranzl. L’arbitro indica il dischetto e Muller, freddissimo, non fallisce. Sul due a zero la squadra di Guardiola si permette qualche amnesia ed il Borussia è pronto ad approfittarne con Herrmann: il giovane esterno colpisce prima un palo su assist di Arango, poi spara fuori all’altezza del dischetto dopo un preciso cross di Kruse. Le disattenzioni difensive risvegliano l’orgoglio bavarese, ma i tiri di Thiago e di Pizarro, subentrato a Gotze, si infrangono sul muro Ter Stegen. Il ‘Gladbach perde due a zero a testa alta, ma il Bayern dimostra, con l’ennesima vittoria senza affanni, di appartenere ad un’altra categoria rispetto alle altre squadre di Bundes.

Borussia Monchengladbach-Bayern Monaco 0-2 (Gotze 7′, Muller 53′)

SHARE