SHARE

Walter

Tra Campionato e Coppa Italia, l’Inter di Walter Mazzarri è ancora alla ricerca della prima vittoria del 2014. Settimana particolarmente calda quella dei nerazzurri soprattutto a causa del caso Guarin-Vucinic. Di seguito le parole del tecnico nerazzurro in conferenza stampa alla vigilia della sfida di domenica alle 15.00 contro il Catania.

Facciamo punti – “Il Catania ha avuto delle difficoltà, ma noi non dobbiamo pensare a questo. Una squadra si può anche trasformare da una partita all’altra. Credevo potesse essere più su in classifica, anche per quello fatto negli ultimi anni. Dobbiamo svoltare, dobbiamo fare i punti mancati in queste ultime partite. Il calcio va valutato così, i punti vanno fatti. Dobbiamo fare il nostro calcio, essere tranquilli e più decisi nell’ultimo passaggio. Sperando che gli episodi ci diano ragione.”

Momento decisivo – “Alla fine del campionato faremo le giuste valutazioni. Le prossime sono partite importanti, ma io penso a quella di domani. Non dico certe cose per scaramanzia, ma dobbiamo cercare di fare punti in tutti i modi, anche perché vengono valutate le prestazioni. A me piace di più affrontare squadre che giocano a viso aperto. In quel caso possiamo fare bella figura con tutti, come abbiamo fatto da un punto di vista della prestazione. Ci mancano dei punti, come già considerato.”

Guarin a casa – “Parlando con il ragazzo, ho deciso che domani non lo convoco. La rosa si è allenata dal martedì fino ad oggi, ho esortato tutti a pensare solo alla partita. E bisogna avere la testa libera e non avere altri pensieri.

Vicende settimanali destabilizzanti ? – “Io non sono nella testa di tutti i giocatori. Posso dirvi come ho affrontato la settimana. Ho fatto vedere la partita di Genova e ho voluto accertarmi che i ragazzi la pensassero come me. Li ho presi singolarmente, ho parlato al gruppo. Ho detto di isolarci, io devo farli rendere al massimo e ho fatto così fin dall’inizio. Prima mi venivano dati i meriti, adesso quindi la colpa è mia. Questo momento va superato solo con grande attenzione e grande concentrazione, con un lavoro più attento. Domenica andiamo a mettere in pratica queste cose, non pensando ad altro. Li ho visti convinti, ho anche chiesto se avevano qualche altra cosa da dirmi. Mi sento tranquillo proprio per questo. Questa squadra finirà il campionato alla grande, ho avuto il consenso della rosa e ho visto l’unione con me e con il mio staff.”

Tris davanti – “Cambiano i meccanismi cambiando il modulo. Al di là del cambio di posizione i giocatori possono giocare in entrambi modulo. Può essere che in un campionato così lungo, quando perdono un po’ di lucidità possono dare un po’ meno. Palacio ha giocato bene per me domenica, gli è mancata la conclusione in porta. Alvarez si è fatto male ed è uscito, ma era partito bene.  Milito viene da un infortunio, non è giovanissimo, ha bisogno di giocare di più per trovare brillantezza. Domenica ho avuto la sensazione che stava benissimo. Potrà solo migliorare.”

Sorpresa Botta – “E’ un ragazzo eccezionale, si allena, mi ha colpito. Ho visto qualità che mi sono piaciute nelle partitelle. Tra allenamenti e partita però c’è un bel gradino. Non posso fare esperimenti in questo momento però io lo vedo crescere. Si è fatto trovare pronto, domani sarà in panchina, se ci sarà bisogno so che potrò contare su di lui.

 

SHARE