SHARE

186398-800-e1373642835592

A margine della conferenza di presentazione di Ruben Botta, il direttore sportivo dell’Inter, Piero Ausilio, ha risposto alle domande dei giornalisti sulle vicende che hanno caratterizzato l’ultimo mercato dei nerazzurri e la situazione generale della squadra: “La tensione tra Inter e Juventus non c’è mai stata. Gli accordi che prima di essere firmati non vengono confermati nel calcio sono all’ordine del giorno. Nell’ultima giornata di mercato mi sembra che un giocatore sia stato vicino a un club importante e poi non ci sia andato. E in quel caso non ci sono state conferenze stampa. Non è successo niente a luglio con Isla e non è successo nulla con Vucinic-Guarin. E’ stata una storia mediaticamente cavalcata. I dirigenti della Juventus li stimiamo e i rapporti sono rimasti quelli di prima. Le due società rimangono rivali, ma c’è rispetto tra i dirigenti. Noi abbiamo pensato che l’affare non dovesse essere concluso e ci siamo comportati di conseguenza”

E sulla presunta confusione a livello dirigenziale nell’Inter il ds è chiaro: “La confusione non fa parte del mondo Inter. C’è la stima della società nel nostro operato. Quello che abbiamo fatto sul mercato è stato concordato con l’allenatore e con le sue valutazioni tecniche. E’ arrivato grazie a un importante sacrificio economico per Hernanes, mentre su D’Ambrosio c’era mezza Serie A e lui ha scelto noi. Ora conta il campo dove dobbiamo vincere le partite. Alla fine vedremo i risultati”.