SHARE

macleod

Maidirecalcio continua a presentarvi i migliori 101 giovani al mondo. Oggi è il turno di Lewis MacLeod, giovane numero 10 del Rangers Glasgow.

Nome: Lewis MacLeodmacleod1

Data di nascita: 16 giugno 1994

Nazionalità: scozzese

Club: Rangers Glasgow

Piede: ambidestro

Ruolo: interno sinistro/trequartista

Nato nell’estate del ’94 a Wishaw (cittadina a 24 km da Glasgow), Lewis MacLeod è sicuramente uno dei più interessanti giovani calciatori scozzesi. Il ragazzo, scoperto dal Livingston, entra a far parte del settore giovanile del Rangers Glasgow a soli 10 anni. Dopo tutta la trafila nel settore giovanile dei Gers, Lewis esordisce in prima squadra il 29 luglio del 2012 nella gara di Challenge Cup contro il Brechin City e, due mesi dopo, firma un contratto quinquiennale con lo storico club di Glasgow, impelagato nelle categorie inferiori del calcio scozzese dopo il fallimento del giugno 2012. Nella sua prima stagione, LacLeod totalizza 31 presenze, 3 gol e 5 assist fra campionato e coppe varie, aiutando i suoi a vincere la “League Two”, quarta ed ultima categoria professionistica scozzese. Quest’anno il numero 10 dei Rangers sta ulteriormente migliorando le sue prestazioni ed ha fin qui disputato 28 partite, condite da 6 gol e 4 assist, diventando al contempo un perno dell’Under-21 della Tartan Army. 

QUALITA’ – Interno sinistro di centrocampo (all’occorrenza trequartista), ambidestro, sgusciante e abile nell’ultimo passaggio, MacLeod sembra ben presto destinato ad imporsi come uno dei migliori giocatori di Scozia. Il suo punto di forza? Sicuramente l’innata umiltà che lo contraddistingue. In un’intervista al Daily Record, MacLeod ha confessato di guidare una Vauxhall Corsa perché l’assicurazione è più conveniente e perché non si sente particolarmente diverso dai suoi coetanei. “I miei genitori mi hanno insegnato a non dimenticare da dove vengo” ha dichiarato. “So che alcuni giovani giocatori possono montarsi la testa, ma io non voglio essere così. Il mio obiettivo non è essere riconosciuto dalla gente per strada: voglio solo giocare bene. La mia gioia è l’emozione che si prova a giocare di fronte ai 40.000 tifosi dell’ Ibrox Park ogni due settimane”.

SHARE