SHARE

Le pagelle della sfida Fiorentina-Atalanta nell’anticipo della 23° giornata della massima serie italiana a cura della redazione di MaiDireCalcio.

PAGELLE FIORENTINA-ATALANTA

FIORENTINA : 

Neto: Torna la difesa a tre e lui si sente nuovamente nel suo, dopo qualche partita quanto meno triste sembra essere tornato il Neto autoritario di un mesetto fa. Si scapicolla nel primo tempo ma alla fine ha ragione lui. Buona nuova. Voto 7

Diakitè: L’ex Lazio potrebbe avere realmente le carte in regola per essere l’acquisto più azzeccato del mercato di gennaio, in difesa sembra granitico e insieme a Compper sembra una guardia di Buckingham Palace. Avvenente. Voto 6,5

Compper: Chi non diresti mai fino a 5 minuti prima, eppure eccolo lì che campeggia sulla sinistra, bravo nel chiudere e nel costruire, alle volte poco attento ma no si può avere tutto. Bello a metà. Voto 6

Savic: Non si perde in mezzo alla difesa, nel primo tempo si butta anche in qualche lancio preciso a dir poco e fa impallidire buona parte el pubblico, stare con Gonzalo gli ha fatto bene e non poco. Cresciuto. Voto 6,5

Cuadrado: Il colombiano per buona parte del primo tempo ritrova se stesso, ancora però indietro nel saper concludere con cattiveria e nella precisione dei passaggi. Ritrovato. Voto 6

Borja Valero: Todocampista, gira intorno al pallone ovunque, dirotta l’azione su di sè. Si macchia con un’ammonizione stupida che peserà non poco nell’economia del campionato viola. Circumnavigator. Voto 6,5

Pizarro: Regista dai piedi buoni e dai rischi profondi, stasera meno amarcord del solito, riesce a recuperare anche qualche pallone. Meraviglia. Voto 6

Anderson: Prima in casa per l’ex Manchester, prestazione incoraggiante la sua, tanta legna, molta corsa, preciso con i passaggi, se Cuadrado è libero di spingere a destra è anche per merito suo. Collante. Voto 6 Mati Fernandez: No-look a profusione, sicuramente uno dei trequartisti più sudamericani mai passati a Firenze, il pubblico applaude anche se alle volte è troppo lezioso. Ballerino. Voto 6,5

Vargas: El Loco sembra essersi ripreso dal doppio impegno della settimana, il piede gli fuma ancora e qualcosa fa vedere, si sacrifica tantissimo ma gli manca lucidità davanti alla porta. Gringo. Voto 6

Ilicic: Ancora lontano dall’essere bello da vedere, riesce però nella cosa che Montella gli chiede, fare gol. Sottoporta dimostra di avere incisività e pericolosità quando cerca il tiro. Archibugiere. Voto 6,5 Wolski: Tecnico, giovane, promettente, il profilo perfetto per un allenatore come Montella. Wolski ha decisamente fatto breccia nel cuore viola, Ilicic è avvertito. Fulmine. Voto 7

Matri: Il numero 32 viola fa tantissimo lavoro oscuro, e quando avrebbe la palla buona per fare male viene servito in malo modo dall’amico Ilicic. Fisicamente fa più di quanto richiestogli. Randello. Voto 6 Matos: Qualche minuto, un paio di scatti e niente di più. Voto sv

ATALANTA:

Consigli: Vola da una parte all’altra per tutta la prima frazione di gioco, quando pensa di averne avuto abbastanza Wolski gli combina proprio un brutto tiro. Tradito. Voto 6

Benalouane: Anima dell’Atalanta insieme a Bonaventura. Spinge tutta la partita con l’accelleratore schiacciatissimo, altro esterno scoperto dall’Atalanta? Animato. Voto 6,5

Stendardo: Più che una partita di calcio lui ha vissuto una finale dei pesi massimi, Matri lo stantuffa non poco, lui in tutta risposta non si da per vinto e non si piega mai. Orgoglioso. Voto 5,5

Yepes: Il corsaro deve averle viste di più belle nella sua carriera da filibustiere. Troppo lento sul secondo gol viola, non riesce a far valere il suo fisico quasi mai. Attempato. Voto 5

Raimondi: Si trova Vargas davanti, insomma non proprio il più bello degli incontri, meglio in fase offensiva che in quella difensiva, ha il demerito di non riuscire nell’incursione a inizio secondo tempo potrebbe portare sul pareggio i suoi. Disordinato. Voto 5,5 Estigarribia: L’esterno ex Juventus non riesce ad imprimere alla partita il ritmo che Colantuono vorrebbe. Si rimette al solo Bonaventura. Intristito. Voto 5

Del Grosso: Buone chiusure sopratrtutto nel primo tempo, non riesce bene a spingere nel migliore momento dei suoi. Mano armata. Voto 5,5

Cigarini: Nel bene o nel male lui ha cambiato la partita, bene i suoi 80 minuti per la mole di gioco creato, male in fondo quando con la sua espulsione condanna i suoi a subire la Fiorentina. Voto 5

Migliaccio: L’ex di turno non riesce a porre molta resistenza allo strapotere del centrocampo viola, si sbatte come può con fare aggressivo su tutte le palle alte, rimedia un giallo per troppa arroganza. Vin Diesel. Voto 5 Carmona: Entra poco prima dell’espulsione di Cigarini, poco prima di perdere la speranza. Voto sv

Bonaventura: Il laterale bergamasco che piace non poco a Montella, una ragione c’è e si vede, il primo tempo è un suo monologo contro Neto, peccato per lui che il brasiliano sia più che in serata. Ambito. Voto 6,5

Moralez: Stasera proteso a difendere e accorciare su Pizarro, incredibilmente meglio nel bloccare il gioco che nel condurlo. Anonimo. Voto 5 Cazzola: Minutaggio ristretto per lui. Voto sv

Denis: El Tanque totalmente anonimo stasera, tocca pochissime palle sebbene la sua squadra rimanga in partita per buon parte del match. A Firenze con le polveri bagnate. Fuori luogo. Voto 5

SHARE