SHARE

20131025_garcia_csudic

Il tecnico della Roma, Rudi Garcia, si è presentato nella sala stampa di Trigoria per la consueta conferenza pre partita. Questa volta l’avversario è il Napoli di Benitez, una sfida che vale la finale di Coppa Italia dopo l’andata vittoriosa per i giallorossi di una settimana fa. Ecco le parole del tecnico francese: ” Come al solito domani giocheremo per vincere la partita, si affrontano due squadre di alto livello come dimostrano le due precedenti sfide. Il nostro gioco è votato alla ricerca della vittoria e lo faremo anche sul piano psicologico. Dopo vedremo come va la partita ma giochiamo per vincere”.

I SINGOLI“Per il Napoli sarà la quarta gara, per noi la terza. Bisogna dare tutto e vedremo sul piano fisico chi starà meglio. Ma anche se una squadra sta meno bene sul piano fisico deve giocare in modo intelligente, tenere il possesso palla, non può essere un problema. Totti ha giocato solo un’ora prima di domenica e questa sarà la seconda partita per lui, non la terza e può partire dall’inizio. Maicon ha lavorato in palestra ed è convocato, tutto è risolto e non ci saranno problemi. Abbiamo soluzioni sulle fasce di difesa anche senza Balzaretti e Dodò. Abbiamo preso Bastos anche per farlo giocare terzino sinistro, Torosidis lo fa benissimo e Romagnoli può dare una mano. Sulle fasce non abbiamo problemi per domani. Totti e Destro hanno già giocato insieme durante una gara e una volta all’inizio. E’ possibile, dipende dal momento, dalla gara, dall’avversario. Può succedere, sicuramente”

IL DERBY – “Ha sempre ragione chi vince. Domenica non ha vinto nessuno ma penso che sia bene per una squadra se ogni partita fa gioco e tira tante volte in porta, che fa molti cross e ottiene molti corner, perché per attaccare bisogna avere la palla. Ovviamente possiamo anche giocare in contropiede e vincere la partita. Il calcio è unico perché in altri sport quando una squadra domina vince, nel calcio una squadra può difendersi per tutto il tempo e magari vincere. Noi domani faremo il nostro gioco perché sappiamo quanto è forte in Napoli, può segnare ma può prendere gol, lo abbiamo visto nelle due partite precedenti”. 

CALCIO PROPOSITIVO –  “Non è vero che solo Roma, Napoli e Fiorentina fanno un calcio propositivo. Anche Verona e Cagliari hanno qualità per fare le partite, non credo ci siano solo queste tre. Un tempo si diceva del campionato italiano che è molto chiuso, qui si segna molto. Lo scorso anno è stato il secondo campionato dei cinque maggiori in cui si sono segnati più gol. E’ un campionato molto, aperto, la Coppa Italia non lo so perché si gioca questa sera e domani e vedremo cosa accadrà”.

L’IMPORTANZA DELLA COPPA – “Quando due squadre sono a 90 minuti dalla finale è importante per tutti e due. Dopo c’è la possibilità in finale di vincere un trofeo in una partita secca ed è sempre importante vincerne uno. Entrambe hanno voglia di andare in finale, speriamo vinca la migliore e che ci sia una partita bella con la Roma in finale”.

I PRECEDENTI – “Abbiamo vinto 2-0 in campionato e abbiamo vinto l’andata. Il primo gol loro è stato fortunoso, firmo per giocare e vincere nella stessa maniera. Non solo il Napoli ha un bravo allenatore, sono forti ma anche noi lo siamo. Andiamo a Napoli per vincere e vedremo la partita, abbiamo una forte ambizione”.

GERVINHO – “Sta veramente bene sul piano fisico, il suo profilo è unico ma ci sarà tempo per gestirlo. Ora lo vedo bene, corre a fine partita come all’inizio. Tutto va bene”.

IL CAMPIONATO – “E’ una partita di Coppa Italia, non c’era con il campionato perché questa sfida è su due partite. Abbiamo un vantaggio ma non cercheremo di difenderlo, giocheremo alla nostra maniera anche se sarà difficile farlo al San Paolo. Ci sarà poi una partita domenica in campionato, ma ne avranno una anche loro. Da giovedì ci sarà tempo per parlare di questo, non cambia nulla per me”.

SHARE