SHARE

BgiNbiIIUAANq_F

Il Bayer Leverkusen deve guardarsi le spalle da un Borussia Dortmund che macina punti in maniera impressionante, lo Schalke non deve perdere terreno dagli avversari per rimanere in scia. Una partita che si prospetta emozionante e che vede coinvolte due delle squadre più forti della Bundes. I padroni di casa fanno un pò di turnover in vista della Champions, risparmiando Toprak e Giulio Donati. In tribuna Sidney Sam, che il prossimo anno giocherà proprio nello Schalke. Keller si affida a Huntelaar e Boateng, schierando in campo i due terribili classe ’95 Goretzka e Meyer. Ancora fuori Draxler per problemi muscolari.

Bayer impreciso, Schalke ben piazzato- Sin dai primi minuti si nota come sia il Bayer a tenere il possesso di palla, ma lo Schalke si presenta nell’area avversaria con più pericolosità. Gli uomini di Hyypia rimangono molto bassi sui calci da fermo esponendosi a pericoli soprattutto nelle battute dalla trequarti, inoltre la gestione della palla è resa difficile dalla posizione dei terzini, che spesso avanzano fino ad allinearsi con gli attaccanti. Uno schieramento di questo genere espone a terribili contropiedi, specialmente se i passaggi non sono precisi. Lo Schalke dal canto suo è messo benissimo in campo: attende con pazienza gli avversari e riparte con rapidità e precisione. Sull’ennesimo palleggio incerto della retroguardia del Leverkusen, Goretzka “rapina” letteralmente Bender, saltando con eleganza anche Wollscheid e superando Leno con un pallonetto. Schalke in vantaggio grazie al suo giovane mediano, sicuramente il migliore in campo e mattatore del primo tempo, che termina senza altri colpi di scena.

Calci da fermo decisivi- Il Leverkusen parte bene nella ripresa, ma persiste confusione sul lato sinistro, con Boenisch, Castro ed Emre Can che continuano a cambiarsi posizione. Lo Schalke non punge più in attacco ed i padroni di casa sfiorano più volte il gol: prima Son a tu per tu con Fahrmann si fa rimontare da Farfan, poi Kiessling salta il portiere avversario, ma Santana riesce a spazzare il pallone. Proprio il difensore brasiliano diventa grande protagonista del match verso la seconda metà del tempo. Prima sventa sulla linea un colpo di testa del subentrato Toprak; sul seguente calcio d’angolo devia fortuitamente il pallone in area di rigore, battendo il proprio portiere e riportando in gara il Bayer. L’euforia dei padroni di casa però dura poco: su un calcio di punizione di Farfan, Hyypia schiera nuovamente la linea difensiva al limite dell’area piccola, firmando la condanna dei suoi. Basta una leggera deviazione di Huntelaar per spiazzare Leno e lo Schalke è di nuovo in vantaggio. L’assalto finale del Bayer è intenso e pericoloso: Fahrmann riponde alla grande su una conclusione di Rolfes mentre la traversa respinge il colpo di testa del solito Toprak. Vittoria fondamentale per i Konigsblauen, che ora si avvicinano al secondo posto: in soli tre punti Borussia, Bayer e proprio Schalke si danno battaglia, cercando di conquistarsi la “medaglia d’argento” alle spalle dell’irraggiungibile Bayern Monaco.

Bayer Leverkusen-Schalke 04 1-2 (Goretzka, Santana aut., Huntelaar)

SHARE