SHARE

1801039_10202936137313373_910231672_n

Quante volte vi è capitato di rimanere sgomenti di fronte a voti ”sconcertanti”? Quante volte vi è capitato di chiedervi il perchè o il percome di qualche voto? Quante volte avete gridato al complotto dicendo ”quello è un raccomandato” o peggio ”tanto quello ce l’ha LUI al Fantacalcio”? Allora questa nuova rubrica fa al caso vostro…e del vostro fegato. Qui ci proponiamo di ”giudicare” in maniera ironica i voti degli ”esperti” che ogni Lunedì ci fanno sobbalzare sulla sedia.

 

QUEL FAMOSO DISCORSO – 0.5 non è un semplice numero, ma spesso la discriminante fondamentale tra vittoria e sconfitta, tra dentro e fuori. Noi ci teniamo molto su questo punto, specie quando basterebbe un po’ di buon senso. È per questi motivi di coerenza che ci esponiamo sul voto di Balotelli. Non ci pare ragionevole che un giocatore fino a quel momento avulso dal gioco e poco concreto, insomma insufficiente, prenda 7 perché ha pescato il coniglio dal cappello. Certo, non vogliamo sminuire la prodezza balistica (anche se Curci…) però non è una prestazione eccellente, quindi non merita un voto eccellente come il 7. Più giusto il 6.5. Tutto questo perché, non ci stancheremo mai di dirlo,mezzo punto fa la differenza

 

LA SAGRA DEGLI 8 – Credevamo di aver chiuso con questa storia. Credevamo che il prossimo 8 avrebbe avuto un minimo di ritegno. Invece no, arrivano così, come se nulla fosse, come se fosse la cosa più normale di questo mondo che un giocatore prenda 8. Partiamo da Gilardino, unico 8 di Fantagazzetta che sinceramente potevano risparmiarsi. Certo lotta come un forsennato, trova una doppietta da grande attaccante ma, insomma, 8? Non scherziamo. Non fa meglio, anzi peggio, il Corriere dello Sport che li regala. Pegolo per esempio gioca l’ennesima gara magistrale. Come tutte le domeniche del resto. Allora perché non tutte le domeniche 8? O meglio perché in questa? Mistero. Poi Pjanic. Che per l’ennesima volta si premi la prodezza balistica lo posso capire, ma se è evidente la complicità del portiere un minimo di ritegno e gli si da il voto che merita. Perché 7 non bastava? Che dovrebbe dire El Kaddouri? Di tutti gli 8 di giornata è l’unico che ha un filino di senso. Tra 2 assist ed 1 gol è lui che stende il Verona. Ma, ancora, crediamo che 7.5 sia un voto più che indicato per lui.  Insomma, prima che arrivino i 9 a gogo, sarebbe veramente carino se si tornasse con i piedi per terra.

 

IN MEDIO STAT VIRTUS – O così almeno sostenevano i filosofi scolastici medievali. Molte volte è così, specie quando hai di fronte cose di difficile interpretazione che per un valore od un altro possono spingerti sugli estremi opposti. I voti non fanno eccezione. Prendiamo Vargas, per esempio, che non merita assolutamente il 6.5 di Fantagazzetta ma nemmeno il 6 della Gazzetta o il 5 del Corriere. Un giusto 5.5 avrebbe risolto la faccenda. Non è il solo. Rimanendo a Firenze, tra il 6 rosa ed il 7 di Corriere e Fantagazzetta, un bel 6.5 racchiudeva il senso di una gara con alti e bassi. Ancora Gargano. Il parmense non è una novità, grande intensità, grande disordine. Piuttosto che un 7 di Gazzetta o un 5.5 di Fantagazzetta, sarebbe stato meglio anche qui un 6.5, mentre al compagno di squadra Parolo un bel 7 piuttosto che il 7.5(esagerata Gazzetta) ed i vari 6.5 ricevuti. E lo stesso di Gabbiadini, Badu e Pereyra ma noi a questo punto, vista tanta discrepanza ci domandiamo, ma che partita avete visto?

 

GLI AFFOSSATI – Tornano voti-vanghe della Serie A. A farne le spese è sicuramente Klose a cui il Corriere dello Sport da un clamoroso 4 che non merita assolutamente. Ma si sa, a volte per non sembrare di parte (ricordiamo la sede romana del giornale) si esagera in negativo. Non esente Fantagazzetta che maltratta un pochino Acquah. Certo il coloured si fa prendere facilmente dalla foga, ma gioca una gara tutto sommato buona o quantomeno sufficiente: six feet under.

 

ESPULSIONI ED…ESPULSIONI – Un punto su cui battiamo spesso è la coerenza di giudizio. In questo senso non ci sono piaciuti alcuni voti che hanno come fattore comune il cartellino rosso. Non ci fa una bella figura Conti a prendersi una assurda espulsione ingiuriando l’arbitro. Giusta la pesantezza che ha la Gazzetta o il Corriere (4.5 ndr) mentre non ci è sembrato giusto il 5.5 di Fantagazzetta. Ma dove non capiamo è la differenza di trattamento con un’altra espulsione. No, non quella di Ceccherini, ma quella di Benassi. Un fallo assurdo e violento di quelli che vanno censurati, perché non rispecchiano i valori dello sport, al pari delle frasi di Conti. Ma allora perché 5.5 cara Gazzetta? Perché 6 Corriere e Fantagazzetta? Rosso e…rosso.

Alfonso Boffardi per iconsiglidelfantacalcio.it

SHARE