SHARE

arsenal

 

Guardiola batte Wenger. I baveresi espugnano l’Emirates nella ripresa con le reti di Toni Kroos e Muller.

Wenger a sorpresa lancia il giovanissimo Sanogo; Guardiola schiera Gotze e Robben dietro Mandzukic. I baveresi partono forte, ma la prima occasione per passare in vantaggio capace all’Arsenal: al 7’ Boateng stende Ozil e sul punto di battuta si presenta lo stesso tedesco calcia malissimo e Neuer respinge. Il Bayern riprende in mano il pallino del gioco e al 38’ Szczesny viene espulso dopo aver steso Robben. Al suo posto entra Fabianski. Sul punto di battuta ci va Alaba che colpisce il palo. Il primo tempo finisce in perfetta parità con le due squadre che sbagliano a testa un’occasione ghiotta per passare in vantaggio.

Il Bayern, in superiorità numerica, entra in campo subito con la voglia di segnare il gol del vantaggio.  Dopo appena dieci minuti gli uomini di Guardiola passano con un destro fantastico di Toni Kroos, che realizza il 100° gol stagionale per i bavaresi. A metà ripresa Robben e company alzano il ritmo e l’Arsenal si limita a difendersi.  Guardiola butta nella mischia Muller, che ringrazia a tre minuti dalla fine di testa batte Fabianski.

Qualificazione (quasi) ipotecata per Guardiola. L’Arsenal non sfrutta l’occasione nei minuti iniziali, poi dopo l’espulsione di Szczesny non riesce a incidere sul match. Wenger dovrà inventarsi qualcosa per ribaltare il conto.

 IL TABELLINO

ARSENAL (4-2-3-1): Szczęsny, Sagna, Mertesacker, Koscielny, Gibbs (dal 31′ Monreal), Wilshere, Özil, Oxlade-Chamberlain (dal 73′ Rosický), Cazorla (dal 38′ Fabiański), Flamini, Sanogo.
A disposizione: Jenkinson, Gnabry, Podolski, Giroud.
Allenatore: Wenger.

BAYERN MONACO (4-2-3-1): Neuer, Alaba, Dante, Boateng (dal 46′ Rafinha), Lahm; Thiago Alcántara (dal 78′ Pizarro), Javi Martínez; Robben, Götze, Kroos; Mandžukić (Dal 65′ Müller).
A disposizione: Starke, van Buyten, Contento, Schweinsteiger.
Allenatore: Guardiola.

Arbitro: Nicola Rizzoli (Italia).
Reti: 54′ Kroos, 88′ Müller.
Ammoniti: Boateng, Mandžukić, Sanogo, Rosicky.
Espulsi: Szczęsny.

SHARE