SHARE

Domenica sarà tempo di convocazioni per la nostra nazionale in vista dell’impegno contro la Spagna in programma il 5 marzo. Prandelli sembra intenzionato a valutare facce nuove per poter avere un quadro completo delle varie alternative che potrebbe portarsi in Brasile, tra queste spicca il nome di Gabriel Paletta, difensore della sorpresa Parma, altro oriundo pronto ad entrare nella storia della nazionale azzurra.

PALETTA Nato a Buenos Aires nel 1986, cresce nelle giovanili del Banfield fino ad esordire in prima squadra in occasione della Coppa Libertadores 2005, nello stesso anno viene chiamato ai Mondiali Under 20 che la stessa Argentina vincerà (squadra quella che annoverava gente come Messi, Aguero, Gago e Zabaleta). Viste le sue buone prestazioni il Liverpool decide di investire su di lui, l’impatto con la Premier però non è dei migliori e di lì a poco il giocatore si ritrova a tornare in patria, questa volta sponda Boca Juniors. Nel 2010 però passa nuovamente il treno per il grande calcio, ecco quindi la proposta del Parma di Ghirardi che con 2,5 mln di Euro si assicura le prestazioni del difensore argentino in possesso del doppio passaporto. Da allora più di 100 presenze con la maglia dei ducali e tanti attestati di stima per un giocatore che era arrivato in sordina sconosciuto ai più e che in poco tempo ha conquistato anche i più scettici.

ALTRO ORIUNDO Ennesimo oriundo in orbita nazionale azzurra, il giocatore infatti non avendo mai giocato nella selezione maggiore del suo paese d’origine è arruolabile da Prandelli, lo stesso Paletta in un’intervista a Parma Channel aveva dichiarato “Ho scelto l’Italia. Sarei felice di vestire la maglia azzurra”. Dopo i vari Osvaldo, Thiago Motta, Camoranesi, senza stare a scomodare o ricordare gli antichi fasti dei vari Muntuori, Agelillo e Sivori, ecco quindi Paletta, per una truppa di oriundi prossima a diventare sempre più importante all’interno della nostra selezione, magari con un occhio anche a Jorginho del Napoli, anche lui tenuto sotto controllo dal nostro commissario tecnico.

SHARE