SHARE

Luis_Suarez_2838717b

La macchina da gol del Liverpool non tradisce le attese e consente ai reds di battere in trasferta il Southampton per 3-0 grazie alle reti di Suarez,  Sterling e Gerrard, e di volare momentaneamente al secondo posto della Premier League, rilanciando le proprie ambizioni di vittoria finale.

SEMPRE SUAREZ- Gli uomini di Rodgers danno subito la sensazione di poter far male alla difesa di casa grazie ai colpi di Sturridge e Suarez. La S‘n’S, infatti si mette immediatamente in moto e timbra il cartellino al 16’. È Suarez ad avviare l’azione e a cercare l’uno-due con Sturridge, l’inglese viene anticipato ma il pallone finisce lo stesso sui piedi dell’uruguayano che, solo davanti Boruc, non ha problemi a portare avanti i reds segnando all’unica squadra dell’attuale Premier League che non aveva mai bucato in carriera. A questo punto si sveglia il Southampton che piano piano inizia a macinare gioco fino a rendersi pericolosissimo al 32’, quando Chambers mette un gran cross da destra, Lambert fa da sponda per Lallana che anticipa Mignolet, ma il suo destro si spegne contro il palo.  Prima dell’intervallo, poi, è proprio Mignolet a negare il pareggio agli uomini di Pochettino. Il portiere è straordinario nel respingere il tiro di prima di Rodriguez dopo un geniale velo di Lambert.

GOL LAMPO– Nella ripresa il Southampton prova a continuare l’operazione rimonta ma non riesce a creare particolari pericoli dalle parti di Mignolet. Ma il Liverpool è un cobra sempre pronto a mordere la preda ed è ciò che avviene al 58’ quando Suarez si invola a destra in contropiede, mette un preciso cross rasoterra per Sterling che, entrato da appena due minuti, spiazza facilmente Boruc per il 2-0. Al 68’ anche Sturridge prova a timbrare il cartellino dribblando Boruc, il suo destro però non inquadra lo specchio. Nel finale il Liverpool va più volte vicino al terzo gol ma il Southampton resiste grazie agli errori sotto porta di uno scatenato Suarez, di Sturridge e di Gerrard. Il tris però arriva al 94’ con un rigore realizzato da Steven Gerrard.

SHARE