SHARE

Ancora una volta il Napoli deve fare i conti con un pareggio inaspettato contro una “piccola”: a Livorno è solo 1-1 per la squadra di Benitez, che ancora una volta perde una ghiotta occasione e manca di continuità in Campionato.

Livorno che cerca subito di inibire le fonti di gioco del Napoli con il pressing altissimo, a partire da Paulinho e Belfodil. Il Napoli propone possesso palla e cambi di gioco orizzontali, come aveva spiegato Benitez con un divertente siparietto in conferenza stampa ai giornalisti. Anche per questo motivo, la gara non offre spunti fino al 10′, nel quale Mbaye coglie una pacchiana autotraversa nel tentativo di anticipare Hamsik pronto alla conclusione. Poco dopo è Mertens a cercare il destro di prima intenzione, ma la sfera è un po’ troppo sporca e Bardi può parare comodamente. Il Livorno risponde al 14′ con una punizione di Greco bloccata senza problemi da Pepe Reina.

La prima frazione vive un altro momento di stasi fino al 24′: Mertens si accentra dalla sinistra e tira ma Bardi respinge. In seguito Callejon sembra aver indovinato il mancino vincente ma Ceccherini ci mette la testa allontanando la sfera. Napoli padrone del campo, anche se il Livorno appena possibile cerca di farsi vedere in attacco. La svolta arriva al 30′: ingenuità colossale di Mbaye che non butta via un pallone dall’area piccola, Ceccherini costretto al fallo su Pandev e calcio di rigore. In assenza di Higuain dal dischetto si presenta Mertens che non sbaglia, spiazzando Bardi per lo 0-1 e trovando di nuovo la rete in Campionato. Livorno che paga una topica colossale dei suoi difensori, fino a quel momento abbastanza attenti e presenti. La squadra di casa cerca di rendersi pericolosa sempre su calcio di punizione, stavolta con una conclusione di Emerson non troppo pericolosa. Il Napoli invece cerca il colpo del KO con Callejon in contropiede: sul sinistro dell’ex madridista Bardi si oppone in due tempi.

A sorpresa però il Livorno trova il pari al 39′ con un generoso regalo della difesa partenopea: Mesbah guadagna spazio sulla fascia e crossa in mezzo, Mbaye la sfiora di tacco ma Reina e Britos pasticciano clamorosamente in area di rigore con il portiere del Napoli che fortuitamente fa carambolare con la schiena il pallone in porta. 1-1 e tutto da rifare per il Napoli, che conferma la scarsa vena del suo reparto difensivo. Si va così al riposo sul risultato di parità: certamente meglio la squadra ospite che però deve fare i conti con le solite disattenzioni in retroguardia.

Il secondo tempo inizia con una conclusione alta di Benassi e con un tiro centrale di Greco,a testimoniare che il Livorno darà filo da torcere. Fernandez cerca la girata di testa su corner: giocata difficile, difatti la sfera termina a lato. Dopo un’inizio di frazione difficile il Napoli torna all’attacco ma il Livorno si propone sempre in contropiede: squadre lunghe, gara che sale di livello. Portieri protagonisti: Paulinho ha un’occasione grandissima per il 2-1, ma Reina si riscatta alla grande dopo la sfortunata autorete precedente bloccando un missile del brasiliano. Dall’altra parte Mertens pesca Hamsik in area, colpo di testa sul quale Bardi fa bella figura. Al 61′ Mertens sembra aver pescato il jolly dal mazzo con una conclusione alla Del Piero meravigliosa, palla che fa la barba al palo della porta di Bardi. Ancora 1-1.

Insigne prende il posto di un evanescente Pandev. Il Livorno in ripartenza quasi non colpisce Reina, con Belfodil anticipato miracolosamente da Jorginho. Gara apertissima, Callejon prova a chiuderla all’87’ ma il suo diagonale destro non trova buona sorte. Occasione grossissima poco dopo: Mertens divora la fascia e mette in mezzo, Zapata (appena entrato) deve solo appoggiarla ma è in ritardo sul pallone e lo tocca a stento. E’ l’ultima opportunità di sbloccare la gara: Napoli che perde l’occasione di accorciare sulla Roma, in attesa dello scontro diretto. Livorno che trova un punto fondamentale nella corsa alla salvezza.

TABELLINO

LIVORNO (3-5-2): Bardi; Coda, Emerson, Ceccherini; Mbaye, Biaganti, Greco (82′ Duncan), Benassi, Mesbah; Paulinho (90′ Castellini), Belfodil (76′ Emeghara). (All. Di Carlo)

NAPOLI (4-2-3-1): Reina; Maggio, Fernandez, Britos, Ghoulam; Inler, Jorginho; Callejon, Hamsik (81′ Zapata), Mertens; Pandev (70′ Insigne). (All. Benitez)

MARCATORI:  31′ Mertens (N), 39′ aut Reina (L)

AMMONITI:  51′ Benassi, 63′ Mbaye (L); 84′ Britos (N)

ARBITRO: Mazzoleni di Bergamo

SHARE