SHARE

cerci

Domenica è avvenuta la seconda sconfitta consecutiva per il Torino, caduto  in casa per 2-0 sotto i colpi della Sampdoria. Dopo la partita c’è stata una contestazione da parte dei tifosi, che alla fine del match contro i blucerchiati hanno coperto di fischi l’uscita dal campo dei giocatori. Fatto che non è piaciuto ad Alessio Cerci, tanto che a fine partita il fantasista di Valmontone ha rilasciato le seguenti dichiarazioni, abbastanza stizzito: “Lavoriamo e sudiamo, anche noi eravamo delusi…”.

NON CI CREDO – Cerci aggiunge: “Sono rimasto stupito per i fischi anche se posso capire i nostri sostenitori che si aspettavano una partita diversa. Ma pure noi giocatori ci siamo rimasti male. Chiedo scusa per il gesto ma non ci si deve dimenticare che nessuno avrebbe pensato che saremmo riusciti a fare un campionato del genere”.

ATTENUANTI – Il fuoriclasse romano si esprime anche sul “bagno di umiltà” richiesto dal tecnico Ventura“Siamo un gruppo di giocatori che suda ogni giorno al 100% nonostante le condizioni del Sisport non siamo proprio il massimo, ci si allena su campi inguardabili. Diamo più di ciò che possiamo, quasi nessuno viene da grandi squadre“. Cerci Chiude il suo sfogo molto candidamente : “Purtroppo qualche passo falso può succedere“.

SHARE