SHARE

campbell

“Sono certo che sarei stato il capitano dell’Inghilterra per più di 10 anni se fossi stato bianco”. Parole e musica di Sol Campbell, ex difensore di TottenhamArsenal e della Nazionale dei Tre Leoni tra il 1996 ed il 2007, che non le manda certo a dire nella sua autobiografia ufficiale di prossima uscita presentata in anteprima dal Sunday Times. Campbell, capitano dell’Arsenal per molte stagioni, ha giocato con l’Inghilterra 73 partite prendendo parte a due Europei e tre Mondiali.

CAPITANO MIO CAPITANO – Nonostante ciò Campbell scrive con convinzione: “Sono certo che la Football Association non gradisse che il capitano della Nazionale fosse di colore, la situazione non è destinata a cambiare ed al giorno d’oggi è semplicemente pazzesco. E come gli alti dirigenti della FA così la pensa la maggior parte dei tifosi. Non ci sono problemi ad avere un capitano di colore nell’under 18 o nell’under 21, ma nella Nazionale maggiore la cosa da fastidio a molti“. Campbell ha portato i gradi di capitano soltanto in tre occasioni: due volte nel 1998 ed una nel 2005, senza mai poter competere con i vari Beckham, Terry, Owen, Lampard e Gerrard per detenere la fascia con continuità.

ECCO LA SOLUZIONE – Più presenze in Nazionale collezionavo, più mi allontanavo dalla fascia. Giocavo bene, mi sono sempre comportato con onore in campo e fuori, ma ho avuto pochi riconoscimenti – continua Campbell – Michael Owen era un eccellente attaccante, ma non aveva nulla del capitano. Era imbarazzante, continuavo a chiedermi che cosa avessi fatto di sbagliato…”. Per cambiare le cose Campbell avanza la proposta di offrire ruoli dirigenziali ad illustri ex giocatori di colore: “Molti giocatori neri giocano adesso per l’Inghilterra, è giusto che siano rappresentati a livello dirigenziale”. Nel frattempo la FA tace e non risponde a Sol Campbell.

SHARE