SHARE

Empoli-Avellino è una sfida di alta quota in Serie B. A vincerla, un po’ a sorpresa, è l’Avellino, che ritrova i tre punti dopo un periodo di magra e di poca fortuna. Empoli che schiera sulla sinistra Mario Rui al posto di Hysaj, Rastelli manda invece in panca Galabinov e lancia titolare Ladriere.

L’Empoli parte subito forte ma è l’Avellino ad avere un paio di palle gol nella fase iniziale: Fabbro si trova davanti a Bassi, il suo destro è respinto così come anche la successiva ribattuta di Ladriere, allontanata dalla retroguardia. La squadra di casa crea una ghiotta occasione con Croce che, solo davanti a Terracciano, si fa ipnotizzare dal portiere avellinese. Squadre che si affrontano a viso aperto, con ritmi discreti da una parte e dall’altra. Castaldo prova a rendersi pericoloso con una conclusione che però termina a lato. Al 20′ è invece D’Angelo a cercare la botta da fuori: Bassi ci mette i pugni ed evita guai peggiori.

Dopo un bell’inizio, la gara si spegne momentaneamente (almeno dal punto di vista delle occasioni da rete). Il gioco è maggiormente bloccato e nessuna squadra sembra prevalere sull’altra. Laurini rischia di farsi buttare fuori per via di un fallo tattico su Castaldo: il francese è già ammonito ma l’arbitro preferisce sorvolare e si limita solo ad ammonire verbalmente il calciatore. Soltanto Moro interrompe il digiuno di occasioni con una botta che sorvola di poco la traversa di Terracciano. In seguito arriva la fine del primo tempo, iniziato molto bene ma che ha poi visto le compagini mancare sempre nell’ultimo passaggio e nell’impostazione della manovra.

Seconda frazione che si apre con un erroraccio di Bassi: il portiere cicca un rinvio lasciando strada libera a Castaldo, che però è costretto ad allargarsi e non concretizza l’azione. Empoli che comunque prova a mantenersi propositivo, specialmente con il positivo Mario Rui di serata che sulla sinistra prova sempre a spingere con continuità. Rastelli mette in campo il bomber Galabinov e subito dopo l’Avellino passa in vantaggio: angolo dalla destra e colpo di testa di Izzo (che anticipa proprio il neo entrato) bucando Bassi e portando il risultato sullo 0-1 al 57′. Immediata la reazione dell’Empoli, con un sinistro di Maccarone che sfiora di poco il secondo palo della porta difesa da Terracciano.

In conseguenza della rete ospite, finalmente la gara torna sui livelli dei primi minuti. Ma per l’Empoli arriva uno stop inaspettato: Laurini, già ammonito, si fa buttare fuori per un’entrata su Pisacane, lasciando i suoi inferiorità numerica nel momento peggiore. La seconda forza del Campionato cerca di inventare qualcosa, ma l’Avellino sembra controllare con apparente tranquillità con la complicità dell’uomo in più. Rui prova a scuotere i suoi con un sinistro, alto. Ospiti pericolosi in ripartenza, con l’Empoli ovviamente in affanno per via della necessità di arrivare al pari e di spendere energie offensive. Tavano e Maccarone sembrano vivere una serata opaca, così come tutta la squadra.

La pietra tombale sulla gara del team di Sarri arriva all’85’: Croce piazza una gomitata ad Angiulli e l’arbitro non può far altro che espellere anche lui. Empoli in 9, serve un miracolo sportivo. Il neo entrato Ronaldo cerca di imitare i suoi ben noti omonimi con una conclusione dal limite, che però si rivela imprecisa. Ultima occasione della gara per Galabinov, che in contropiede si fa fermare da Bassi. Poi fischio finale: l’Avellino trova la terza vittoria esterna stagionale e si porta a -2 proprio dai toscani, al terzo posto. Padroni di casa che trovano la seconda sconfitta al Castellani (la prima era stata contro il Cittadella) e dovranno fare i conti con due squalifiche pesanti nel prossimo turno.

 

TABELLINO

FORMAZIONI:

EMPOLI (4-3-1-2): Bassi; Laurini, Tonelli, Rugani, Mario Rui (87′ Ronaldo); Moro (72′ Hysaj), Valdifiori, Croce; Verdi (60′ Pucciarelli); Tavano, Maccarone.

AVELLINO (3-4-2-1): Terracciano; Izzo, Fabbro, Pisacane; Bittante, D’Angelo (67′ Angiulli), Arini, Schiavon; Ladriere (57′ Galabinov), Ciano; Castaldo.

MARCATORI: 57′ Izzo (A)

AMMONITI: Laurini, Maccarone (E); D’Angelo, Schiavon, Arini, Galabinov, Fabbro, Angiulli (A)

ESPULSI: Laurini, Croce (E)

SHARE