SHARE

Juventus-Fiorentina

JUVENTUS

Buffon 6,5: Ultimamente non gli capitava spesso di compiere almeno tre interventi decisivi. Importantissima la doppia parata su Borja prima e Vargas poi dopo la rete viola.

Caceres 6: Senza badare troppo al sottile, presiede il lato destro della difesa con la solita grinta. L’episodio lo punisce perché è proprio lui a tenere in gioco Gomez.

Ogbonna 5,5: Deve dividere con Caceres le colpe per il gol subito, si fa sfuggire il tedesco alle spalle. Nel resto della partita non è sembrata poi così sicuro.

Chiellini 6,5: Orfano di Barzagli e Bonucci, si carica sulle spalle tutto il reparto difensivo. Bravo anche a far ripartire l’azione in diverse circostanze.

Isla 5,5: Non soffre molto in fase difensiva anche perché Tomovic non è poi così pericoloso, la pecca è in fase offensiva dove si nota la grande differenza con Lichtsteiner. Fatica ancora ad entrare negli ingranaggi di Conte. (dal 82’) Padoin s.v.

Pirlo 5,5: Fa notizia una sua insufficienza ma questa sera è andato troppe volte a corrente alternata. La pressione continua di Borja Valero ne limita molto il raggio d’azione.

Vidal 7: Un gol, una traversa, un mezzo miracolo di Neto e tanto altro ancora. 18esima rete stagione per il cileno, numeri da attaccante di alto spessore. Cala un tantino nei minuti finali e, guarda caso, la viola aumenta la pressione.

Marchisio 6: Nel momento migliore dei suoi è uno di quelli che partecipa di più alle azioni, sia in fase di rifinitura che in quella di conclusione. Finisce la partita malconcio.

Asamoah 6,5: Solita buona spinta che sta garantendo da qualche settimana a questa parte, il gol nasce da un suo break offensivo.

Giovinco 5,5: Un leggero passo indietro rispetto alla partita in Turchia. Parte molto bene ma cala vistosamente con il passare dei minuti, non sfrutta un paio di occasioni sotto porta. Esce comunque tra gli applausi. (dal 63’) Llorente 6: Entra nel momento di calo dei suoi ma con il suo strapotere fisico riesce a crearsi anche un paio di occasioni.

Osvaldo 5,5: Partita e prestazione molto simile a quella del compagno di reparto. Parte bene con tanti buoni movimenti che poi probabilmente paga nella ripresa con un netto calo fisico.  (dal 74’) Pogba 5,5: Ha sui piedi la rete della vittoria ma calcia a lato da buona posizione, ne ha segnati tanti molto più complicati.

FIORENTINA

Neto 7: Grande merito del pareggio è il suo, specialmente nel primo tempo quando è spettacolare su un colpo di testa di Vidal. Bravo e reattivo anche nella ripresa sia tra i pali che nelle uscite.

Roncaglia 6: Nello stesso ruolo in cui Diakitè aveva fatto così male domenica, lui non sfigura nonostante i limiti tecnici, evidenziati nella fase offensiva. Meglio quando c’è da ringhiare sugli avversari.

Gonzalo Rodríguez 6,5: Nello schieramento a quattro è meno presente nella fase d’impostazione ma è comunque decisivo in fase di copertura. Tiene a galla i suoi con diversi interventi in uno contro uno.

Savic 5,5: Paga un po’ d’incertezza nel vantaggio di Vidal. Tiene botta per il resto della partita ma l’errore rimane.

Tomovic 6: Intraprendente nella prima parte di match dove riesce ad andare sul fondo e a crossare di sinistro che non è il suo piede. Nella ripresa non spinge quasi mai ma tiene bene dietro.

Aquilani 6: Uno dei tanti ex in campo, discreta fase offensiva dove si rende pericoloso in un paio d’inserimenti. (dal 76’) Vargas 6: Con una bordata delle sue per poco non completava la rimonta viola, impegna severamente Buffon

Pizarro 5,5: Un pizzico meglio di domenica ma ancora lontano dalla sufficienza. Contro una squadra così fisica come la Juventus non può permettersi di trotterellare in mezzo al campo.

Mati Fernandez 6: Come nella partita di domenica, ha confermato di essere particolarmente in forma. Con il suo passo veloce è uno dei pochi a mettere in difficoltà la difesa biaconera. Esce per una distorsione alla caviglia. (dal 51’) Ambrosini 6: Molto meno qualità rispetto al cileno ma solita sostanza e capacità nel posizonamento nella zona calda del campo.

Borja Valero 6,5: Quanto è mancato questo giocatore alla Fiorentina. Tocca un numero infinito di palloni con la solita immensa qualità, non è un caso che il gol nasca da un suo recupero palla. Molto bravo anche a limitare Pirlo.

Ilicic 6: La sua grande abilità tecnica lo rende addirittura irritante quando si perde in disimpegni elementari. Da un suo lancio delizioso nasce il gol di Gomez.

Matri 5: Inizia con un buon piglio ma scompare con il passare dei minuti, in particolare nella ripresa. Una mezza occasione in spaccata su un tiro sporco e niente più, troppo poco per lui.(dal 67’) Gomez 6,5: Quelli come lui sono i giocatori che fanno la differenza. Una sola palla toccata trasformata subito in gol, per non parlare dello stop delizioso sforzando proprio il ginocchio infortunato.

SHARE