SHARE

balotelli

Aria di tempesta in casa Milan. L’eliminazione travolgente subita martedì scorso in Champions League in casa dell’Atletico Madrid ha lasciato strascichi che pare non andranno via in poco tempo. Il primo allenamento dei rossoneri di ritorno dalla Spagna si è svolto in un clima surreale, tra l’indifferenza dei tifosi ed il silenzio dei giocatori, mentre è di ieri la notizia che Mario Balotelli, protagonista di un confronto dai toni poco pacati con alcuni compagni negli spogliatoi del Vicente Calderon, non si è allenato non per un affaticamento muscolare come è stato detto ma per punizione.

MARIO IN CASTIGO – Il sospetto nasce dal fatto che Clarence Seedorf ha tenuto un discorso a tutta la squadra, anche ai giocatori che hanno svolto lavoro differenziato, e l’unico assente era proprio Balotelli. Balotelli che a questo punto dovrebbe sicuramente saltare la partita contro il Parma prevista per domenica alle 15:00 a San Siro.

COSA NON E’ PIACIUTO – Di Balotelli non sono piaciuti l’atteggiamento in campo a Madrid e poi il comportamento tenuto  al ritorno all’aeroporto di Malpensa, con l’attaccante milanista che è stato visto scherzare tutto sorrisi assieme a Rami, De Jong e Taarabt come se non fosse successo nulla, mentre facevano da contraltare le espressioni abbattute e deluse dei vari Montolivo, Abbiati, De Sciglio, Bonera, Abate e Poli. Colpisce poi la contestazione di un tifoso che a Balotelli ha urlato di tornarsene all’Inter. Intanto il ct Prandelli in ottica Mondiali fa sapere: “Per il Brasile soltanto Buffon ha il posto assicurato in maglia azzurra, gli altri si devono impegnare per avere una chiamata”. Segnale chiaro, chiarissimo, rivolto soprattutto a Balotelli.

SHARE