SHARE

gomezrientro

A Firenze l’avevano atteso da tanto, il capoluogo toscano è infatti alla ricerca di un attaccante da sempre, alla fine la società in estate era riuscita nell’impresa di non prendere “un attaccante“, ma “l’attaccante” che Montella desiderava per far coppia con Rossi; Mario Gomez doveva essere il tassello da mettere per completare il tutto, poi però la sfortuna si è messa nel mezzo e il tanto amato connubio tra il panzer tedesco e la tifoseria non si era mai consumato del tutto. Serviva una partita particolare contro un avversario particolare a permettere il lieto evento, il ritorno di Super Mario al gol 193 giorni dopo l’infortunio.

TOCCA A GOMEZ Ora è compito suo sobbarcarsi il peso dell’attacco viola sulle spalle, Pepito l’aveva già fatto a suo tempo, non è un caso che l’attaccante viola, seppur lontano dai campi da due mesi, occupi ancora la seconda piazza della classifica marcatori. Adesso è il suo momento, la squadra deve pensare di chiamarlo in causa il più possibile visto soprattutto la voglia di riscatto che sembra infatti animare il tedesco. Più scattante e reattivo di Matri, soprattutto molto più cattivo sottoporta e nel far sentire il suo peso in mezzo all’area. Gli automatismi ancora non sembrano ben oliati e raffinati, purtroppo lo stesso Gomez aveva fatto insieme alla squadra solo il ritiro e qualche match di precampionato, troppo poco per un giocatore di ambientarsi del tutto, Montella in tal senso potrebbe servirci nuove combinazioni fantasiose.

CAMPIONATO E COPPA L’Europa League è il vero obbiettivo stagionale viola, forse ancora di più della stessa finale di Tim Cup contro il Napoli, una settimana questa in cui la Fiorentina affronterà ancora la Juventus per l’atto finale di questa stagione, in una partita da tripla che difficilmente si risolverà con pochi sprazzi di spettacolo. Il campionato al momento non deve essere una distrazione, per assurdo, se gli uomini di Benitez continueranno nell’andatura attuale la soglia Champions risulta infatti notevolmente lontana, in tal senso la prossima partita contro il Chievo e quelle a venire dovrebbero essere viste nell’ottica di migliorare la condizione fisica di tutti, permettendo ampio ricambio nell’11, cosa questa che Montella sta già applicando. Il futuro ci dirà come finirà questa stagione, se però la Fiorentina vuole continuare sulla strada del rilancio non può più fare a meno del vero Mario Gomez, e quello visto ieri sera fa davvero ben sperare.

SHARE