SHARE

fiorentina-chievocronaca

Tutto pronto per la sfida del Franchi di stasera Fiorentina-Chievo. Montella sceglie Wolski per affiancare Matri dal primo minuto, sarà 3-5-1-1, capace di mutare in 4-3-3 con conseguente innalzamento di Cuadrado con Pasqual pronto a scalare a sinistra. In cabina di regia ci sarà Pizarro supportato da Ambrosini Anderson. Solo panchina per Mario Gomez dopo il bellissimo gol allo Juventus Stadium contro la squadra allenata da Conte, è però ipotizzabile il suo ingresso a partita avviata. Per Corini invece schieramento molto difensivo con il solo Paloschi davanti che dovrà aiutare la squadra a salire sfruttando ribaltamenti di fronte.

TABELLINO FIORENTINA-CHIEVO

FIORENTINA: Neto, Rodriguez, Diakitè, Compper, Pizarro, Cuadrado, Amabrosini, Pasqual, Wolski, Matri, Anderson. All. Montella.

CHIEVO: Agazzi, Dainelli, Radovanovic, Cesar, Frey, Guarente, Rigoni, Rubin, Stoian, Paloschi, Hetemaj. All. Corini.

AMMONITI: Rigoni, Hetemaj, Rubin

ESPULSI:

GOL: Cuadrado 11′, Matri 39′, Paloschi 62′, Gomez 89′

ARBITRO: Massa di Imperia.

CRONACA Sfida che inizia con i cori dello stadio indirizzati alla Juventus, già in attesa della sfida di giovedì di Europa League. Chievo coraggioso in questa fase iniziale della partita, pressing alto degli uomini di Corini che non permettono il palleggio facile alla Fiorentina. All’11’ passa la viola, grandissimo scambio fuori area tra Cuadrado e Pizarro, il cileno con uno splendido pallonetto chiude il triangolo con il colombiano che con un tocco velato scavalca Agazzi in uscita. Gol d’autore per Cuadrado alla 5° rete in campionato quest’anno. Al 27′ è pericolosissimo il Chievo, incursione dalla destra di Stoian, su conseguente svolgimento dell’azione, molto confusionaria, Paloschi non riesce a far male da buona posizione. Ancora l’ex Milan ci riprova cinque minuti più tardi, davanti a Neto si lascia ipnotizzare dal portiere brasiliano. Al 38′ grande penetrazione di Hetemaj, riesce a resistere alla pressione di Ambrosini e dal fondo mette nel mezzo, Stoian non riesce a deviare in porta. Quando mancano cinque minuti all’intervallo arriva il raddoppio siglato Matri. Ottimo break di Anderson, ripartenza viola con il brasiliano ex Manchester punta la difesa, scarico laterale per l’accorrente Cuadrado, palla di prima nel mezzo raccolta da Matri che di destro batte Agazzi. Prima frazione di gioco che si chiude sul punteggio di 2-0 in favore dei viola, Chievo sprecone che non ha saputo realizzare le occasioni avute, la Fiorentina al solito molto brava nel palleggio, questa volta molto cinica nel colpire i clivensi.

Secondo tempo che si apre subito con una sostituzione per il Chievo, fuori uno spento Guarente e dentro Lazarevic nel tentativo di riaprire il match. Brivido per i viola all’8′ su calcio d’angolo, Cesar viene murato benissimo da Compper prima di battere in rete, grande chiusura del centrale tedesco. Tre minuti più tardi ancora su calcio d’angolo il Chievo si rende pericoloso, ottima sponda di Paloschi per Radovanovic che però da un passo spara altissimo. Al 58′ scatta l’ora di Gomez, dentro al posto di Matri. Nel Chievo invece Corini inserisce Obinna per Stoian. Poco dopo il Chievo accorcia le distanze con Paloschi, grandissima palla in verticale di Rigoni, l’ex Milan supera Neto e mette dentro da due passi. Paloschi sigla così il suo 8° centro in campionato, record per il giovane attaccante italiano. Cambio immediato per Montella, Ilicic per Anderson. Poco dopo c’è spazio anche per Vargas, il peruviano entra al posto di Wolski. subito il neo entrato prova a cercare il gol con un tiro violentissimo da 40 metri. Ultima sostituzione per Corini, minutaggio per Pellissier, il vecchio capitano clivense prende il posto di Radovanovic. All’81’ possibile match point per la Fiorentina, su tiro di Ilicic c’è il tocco di mano di Rubin e massima punizione decretata. Dal dischetto Pizarro mira l’angolo destro, Agazzi è però bravissimo a respingere e tenere a galla i suoi. All’86’ palla gol Chievo con Pellissier, l’attaccante di Corini non riesce però a centrare la porta. Poco prima del 90′ tocca a Gomez chiudere la partita, assist di Ilicic illuminante con il tedesco che deve solo battere in porta. La posizione di Gomez è però nettamente in fuorigioco, errore della terna arbitrale. Partita che termina di lì a poco, Fiorentina vittoriosa con il brivido, il Chievo ha infatti ben figurato in quel di Firenze creando apprensione nella difesa viola, il rigore sbagliato da Pizarro poteva dare fiducia agli uomini di Corini, poi il gol di Gomez, in evidente fuorigioco, ha chiuso la contesa. Quarto posto nuovamente nelle mani degli uomini di Montella.

SHARE