SHARE

Higuain

Insolito posticipo del lunedì alle 19, quello che è andato in scena all’Olimpico di Torino tra i granata padroni di casa e il Napoli di Benitez. Gli uomini di Ventura dopo tre sconfitte consecutive vanno alla ricerca del successo scaccia crisi. Gli azzurri, dal canto loro, cercano una vittoria, per rimanere agganciati al treno che porta alla Champions League diretta, occupato attualmente dalla Roma.

LA PARTITA – La gara appare sin dai primissimi minuti,  piena di tatticismi ed estremamente bloccata per il Napoli, che tenta tramite il possesso palla per vie centrali di scardinare una difesa granata attenta a chiudere tutti gli spazi. Il primo squillo in zona gol è dei padroni di casa con Meggiorini che servito al limite dell’area scaglia un destro al volo parato con qualche affanno da Reina. I partenopei tentano ancora di aprire la retroguardia del Torino tramite la corsia centrale e al minuto 25 ci riesce con Jorginho che trova con una grande imbucata Callejon, che mette in mezzo un tiro cross velenoso. Alla mezz’ora arriva l’occasione più importante del primo tempo, con insolito protagonista Cesare Bovo che dopo aver recuperato palla a metà campo, scagli un destro poderoso dai 25 metri che coglie in pieno l’incrocio dei pali. L’ultima fase della frazione, vede ricalcare il leitmotiv della prima mezz’ora con spazi intasati e molti errori, che impediscono la creazione di palle gol. Termina quindi 0-0 un primo tempo dominato dall’equilibrio e da moltissimi errori in fase di impostazione. L’avvio di ripresa è decisamente più vivo dal punto di vista delle occasioni, favorito anche da due squadre allungate già nel primo quarto d’ora. Il primo squillo è degli ospiti che con Higuain impensieriscono severamente Padelli dal limite dell’area. La reazione del Torino è immediata, con una doppia occasione nel giro di 2 minuti, prima con Meggiorini che servito in area da Barreto colpisce il palo e poi con Darmian che si accentra e spara dalla distanza costringendo Reina al volo plastico. Con gli ingressi di Immobile e Cerci il coefficiente di pericolosità dei padroni di casa aumenta, e dopo una punizione a metà frazione di Higuain a lato è proprio Immobile ad avere sul destro il pallone dell’1-0, servitogli da Kurtic dopo l’errore di Behrami a centrocampo; l’attaccante napoletano, però, all’altezza del dischetto spara alto. Nel finale le squadre appaiono stanche e sembra di rivivere la fase finale del primo tempo, costellata di errori in disimpegno. A due dal 90’ sale in cattedra Mertens che prima si accentra e lascia partire un gran destro, parato da Padelli e poi ci riprova, murato ancora una volta dall’estremo difensore granata. Al 90’ arriva la doccia fredda per il Torino, che passa in svantaggio, in virtù del gol di Higuain che lanciato da Hamsik, si libera di Glik e batte un ottimo Padelli. Dopo un punizione alta di Cerci termina il match con la vittoria dei partenopei che si rimettono in corsa per la Champions diretta.