SHARE

Cassano-esulta-Parma-PP

Sta vivendo uno dei suoi migliori momenti al Parma, e insieme alla squadra culla il sogno di riportare i gialloblù in Europa dopo tanti anni di assenza. Antonio Cassano, intervenuto ieri a TikiTaka, ha spaziato dalla Nazionale al campionato, parlando anche del suo futuro: “Io al Napoli? Sarebbe la piazza ideale per un testa matta come la mia: chissà cosa succederebbe se le cose andassero bene… ma io ora sono super felice a Parma e probabilmente chiuderò la carriera qui”. All’orizzonte c’è il Mondiale“Nessuno mi ha ancora chiamato, ma io ci spero”. Poi un retroscena sul suo addio all’Inter: “L’ha voluto Mazzarri”.

Il giocatore di Bari è tornato sul suo addio alla squadra nerazzurra: “E’ per colpa di Mazzarri se sono andato via dall’Inter, mi ha fatto andare via lui. Ho sentito che vorrebbe fare il Ferguson: io so i mali che patisce, ma meglio che lascio stare…”. Poi l’elogio a Conte: “E’ un fenomeno: a volte si dice che gli allenatori non contano ma non è il suo caso: lui conta e avanza pure, gli do l’80% del merito di quello che sta facendo la Juventus”. Ma lui non giocherà mai con la maglia bianconera: “All’estero non ci vado più. In Italia non alla Juve, che ho rifiutato tre volte perché non è per me”. Il suo pronostico su Fiorentina-Juve di Europa League: “Passa la Juve, sono la squadra più forte: lo hanno dimostrato in campionato dove non hanno avuto rivali”. Su Calciopoli ha dichiarato: “I bianconeri erano la squadra top in quel momento e avrebbero vinto comunque”.

Durante il match contro il Milan Fantantonio è stato bersagliato dai tifosi rossoneri, ma lui tende la mano: “L’ho detto e lo ripeto: sono interista dalla nascita e lo sarò fino alla morte. Non ho mai attaccato i tifosi rossoneri, ma qualcuno che è in società. I tifosi rossoneri mi sono stati vicini, soprattutto in momenti difficili. Gli sfottò ci possono stare perché sono interista, ma con loro nessun problema”.

Poi un giudizio sull’amico Balotelli : “Io l’ho trovato benissimo, tranquillo e sereno. Contro il Parma ha anche beccato dei fischi ma si è comportato da professionista. Mario bisogna prenderlo così com’è: se trovasse un allenatore come quello che ho trovato io farebbe grandi cose. Qualcuno che gli faccia vedere gli errori ma che lo capisca: bastone e carota”. Con Supermario potrebbe fare coppia ai Mondiali“Perché è un anno e mezzo che non mi convocano? Un’idea ce l’ho. Da 4-5-6 mesi dico che vorrei andare al Mondiale perché chiudere la carriera senza un Mondiale per me sarebbe un rammarico, ma i sogni veri e propri sono altri: un altro figlio, la famiglia e altre cose”.

Intanto il Parma vola e merito è anche di Ghirardi: “Siamo un gruppo nel quale tutti remano dalla stessa parte. Abbiamo un allenatore che trovo scandaloso il fatto che non alleni in una squadra top in Italia o all’estero, un presidente fantastico, Ghirardi, che mette il grano, e un direttore incredibile, Leonardi, che con due euro riuscirebbe a comprare la Casa Bianca”.

Per chiudere Cassano ha parlato dei suoi idoli: “Considerando quelli con cui ho giocato dico Ronaldo e Zidane: il fenomeno e il francese erano una spanna sopra tutti, decidevano di vincere le partite in una frazione di secondo. In generale ribadisco Messi: per me il più forte della storia, mio figlio si chiama Lionel in suo onore”.

SHARE