SHARE

cassano

Antonio Cassano sta vivendo una stagione di vera e propria rinascita, ed inevitabilmente si torna a parlare di una convocazione in Nazionale per lui. E’ lo stesso fantasista del Parma ad esprimersi a riguardo in una intervista rilasciata all’edizione odierna de “Il Corriere dello Sport”. Ecco quanto messo in evidenza da Maidirecalcio:

L’ITALIA MI ASPETTA – “Sono contento degli apprezzamenti di stima da parte del ct Prandellidice Cassano -. La convocazione tanto desiderata può arrivare e sarà determinante ciò che riuscirò a fare in campo da qui a maggio. Ce la metterò tutta, sarà la mia grande occasione per ricominciare e finire, diciamo. So di aver sprecato molte occasioni nella mia carriera. Però di “cassanate” non ne faccio più da tempo, anche ad Euro 2012 sono stato bravo, e comunque ho capito il perché delle esclusioni successive. Ho 30 anni ed è normale che si dia spazio a chi è più giovane di me, anche se posso essere ancora utile”.

TOTTI-CASSANO AI MONDIALI “Francesco è un fenomeno ed anche alla sua età impressiona tutti…immaginatevi un tandem Totti-Cassano a Brasile 2014, è quello che spero”.

BALOTELLI – Cassano si esprime anche su Balotelli, criticatissimo in questo momento al Milan e sempre molto chiacchierato: “Mario va preso con bastone e carota, è da accettare per come è senza incaponirsi nel volerlo cambiare. E’ un bravo ragazzo, un pò come me, ha bisogno di sincerità“.

DONADONI – Cassano parla infine del suo attuale allenatore al Parma, a suo tempo commissario tecnico agli Europei del 2008: “Il mister Donadoni già allora dimostrò di essere un grande tecnico, uscimmo solamente ai rigori contro la Spagna. Non fu riconfermato forse per il suo carattere eccessivamente pacato, non fa pagliacciate come altri e non si appoggia sulle amicizie che contano“.

SHARE