SHARE

cronacalazio-milan

Tutto pronto per la sfida dell’Olimpico di Roma Lazio-Milan, posticipo della domenica di Serie A. Per Seedorf e Reja esclusioni importanti dell’ultimo minuto, su tutte Klose e Balotelli. Importante fare punti per entrambe le squadre onde evitare di abbandonare le proprie ambizioni, una potenziale sconfitta vorrebbe dire ridimensionare notevolmente le aspettative per questa stagione, andata decisamente male per entrambe le squadre. Seedorf in particolare deve dare una scossa alla stagione della sua squadra, dall’altra parte Reja cercherà di sfruttare al massimo i passi falsi delle altre contendenti per l’Europa League.

TABELLINO LAZIO-MILAN

Lazio: Berisha; Konko, Biava, Novaretti, Radu; Gonzalez, Ledesma, Biglia; Candreva, Keita, Perea. All Reja

Milan: Amelia; De Sciglio, Mexes, Rami, Constant; Essien, De Jong; Honda, Poli, Kakà; Pazzini. All. Seedorf

GOL: Kakà 44′, Gonzalez 60′

AMMONITI: Perea, Ledesma, Essien, Poli, Lulic

ESPULSI:

ARBITRO: Rocchi.

CRONACA Partita che si apre con i cori laziali all’indirizzo di Seedorf, comportamento da condannare da parte dei tifosi biancocelesti. Primi minuti che non si contraddistinguono per il ritmo, decisamente blando, con le due squadre intente a studiarsi, tantissima la paura del Milan nel provare a fare la partita, la Lazio chiude e riparte ordinata. Al 18′ prima occasione della partita, su punizione di Candreva dalla sinistra stacca Novaretti da buona posizione, la palla finisce però altissima. Lazio che ci prova ripetutamente con tiri dalla distanza, prima con Candreva poi con Konko, la difesa milanista è però attenta. Al 38′ si fa vivo il Milan, Honda stoppa bene e dal limite di sinistro prova a battere Berisha, la palla si perde fuori. Poco dopo la Lazio va in gol, ottimo il cross di Radu dalla sinistra su sviluppi di calcio d’angolo, stacco di Novaretti e palla in rete, l’arbitro però annulla per fuorigioco di Biava che si era lanciato sullo spiovente insieme al suo compagno di reparto. Il Milan allora fa subito male, nell’azione successiva Kakà finta il cross e guadagna il fondo, Konkò devia il suo tentativo di cross e beffa Berisha; vantaggio Milan del tutto inaspettato.  Primo tempo che si chiude con il Milan in vantaggio, fortunati gli uomini di Seedorf che ben poco avevano dimostrato nella prima frazione. Lazio attenta ma fin troppo “leggera” in attacco, poca fantasia lì davanti con il solo Keita a macinare gioco.

Entrambi gli allenatori confermano i propri titolari all’inizio del secondo tempo, si riparte quindi con i rossoneri in vantaggio. Al 55′ è il momento di Balotelli che prende il posto di un, a dir poco, vuoto Honda. Per la Lazio invece Reja manda nella mischia Lulic per Perea. Partita che si fa sempre più spigolosa, molti i contatti a centrocampo, Essien si becca un giallo sacrosanto. Al 60′ passa la Lazio, su cross di Candreva spizzata di Biglia e definitiva incornata di un liberissimo Gonzalez, parità ristabilita. Lazio che sembra più intraprendente, retroguardia rossonera che balla paurosamente sulle incursioni di Candreva e del neo entrato Lulic. Al 74′ Essien decisivo, ottima la sua copertura da centrale consumato sul solitario Gonzalez in piena area, Milan sull’orlo del tracollo. Secondo giro di cambi da entrambe le parti, fuori Poli e dentro Muntari per puntellare il centrocampo del diavolo, per la Lazio Onazi al posto di Biglia. All’82’ fiammata Balotelli, servito da De Jong su sviluppi calcio d’angolo l’attaccante della nazionale scarica un destro violentissimo che si stampa sulla base del palo alla destra di Berisha. Ultime sostituzioni, per il Milan Bonera rileva uno stanchissimo De Sciglio; per i biancocelesti Mauri sostituisce l’uomo del pari Gonzalez. Al 92′ ottima combinazione sull’asse Keita-Onazi, il nigeriano spara però altissimo da buona posizione. A tempo scaduto ci prova Candreva su punizione, la sua conclusione viene deviata in angolo dalla barriera. Partita che termina di lì a poco, pochissime emozioni e tantissima mediocrità in campo da entrambe le parti, meglio la Lazio che ha cercato di andare oltre il pareggio, da rivedere comunque l’apporto offensivo degli uomini di Reja. Per Seedorf e il Milan è notte fonda, i rossoneri non hanno saputo sfruttare la situazione positiva venutasi a creare dopo il vantaggio rocambolesco firmato Kakà, finendo per chiudersi a riccio per tutta o quasi la seconda frazione.

 

SHARE