SHARE

 

++ INCHIESTA STADIO CAGLIARI, ARRESTATO MASSIMO CELLINO ++

Niente da fare per Massimo Cellino. L’attuale presidente del Cagliari sta provando da alcune settimane la scalata per prendere possesso del Leeds United, compagine di seconda divisione inglese con un illustre passato più o meno recente nell’epoca dei vari Kewell, Viduka, Bowyer, Woodgate e Rio Ferdinand, con David O’Leary in panchina. Si ricorda in particolare il traguardo della semifinale di Champions League nel 2000-2001 nella quale i Peacocks furono eliminati nel doppio confronto dal Valencia. Dopo i fasti d’oro degli anni ’90 ed inizio 2000  il Leeds è sprofondato nelle serie minori inglesi in seguito ad un fallimento, per poi stabilirsi da un pò di tempo in Football League.

SEI FUORI – Cellino, che lo scorso 7 febbraio aveva rilevato attraverso la sua società Eleonora Sport Ltd il 75% delle quote azionarie della Gulf Finance House, una banca del Bahrain che a sua volta era entrata in possesso della società nel 2012, ha ricevuto proprio oggi il no da parte dei vertici della stessa Football League in seguito all’analisi sulla condotta morale dell’imprenditore sardo, che ha qualche macchia nel suo passato (su tutti due arresti subiti in questi anni, l’ultimo dei quali recentissimo ed inerente la ben nota vicenda dell’Is Arenas di Quartu Sant’Elena).

DI CHI E’ QUESTO? – A Cellino viene contestata in particolare una maxi multa comminatagli pochi giorni fa dal Tribunale della Sardegna per evasione fiscale, con tanto di condanna al versamento di seicentomila euro per possesso non dichiarato di uno yacht ora sequestrato dalla polizia. E per il regolamento che disciplina il calcio inglese, chi ha avuto o ha in corso problemi con la giustizia non può entrare in possesso di un club professionistico. Cellino, che si è accollato già 6 milioni tra spese varie nelle fasi preliminari per l’acquisizione del Leeds, anche nel 2001 era finito in inchiesta per falso in bilancio, ed ora ha due settimane di tempo per appellarsi alla decisione. E va detto che ai tifosi del Leeds sin da subito non è stato simpatico, per via delle sue dichiarazioni contro alcuni giocatori e dell’esonero del manager McDermott, poi richiamato.