SHARE

De-Laurentiis-e-De-Magistris-in-tribuna-532x330

Tra Comune di Napoli e società calcistica vige ancora per poco tempo una convenzione relativa alla gestione dello stadio San Paolo che però storicamente è causa di dissapori tra le parti. L’accordo scadrà il prossimo giugno ed il club azzurro ha iniziato a cautelarsi cercando di ottenere i permessi necessari per giocare al Barbera di Palermo le partite di campionato e delle competizioni europee in caso di rottura con la giunta guidata dal sindaco Luigi De Magistris.

VOGLIAMO COLLABORARE – Il primo cittadino di Napoli ha dichiarato oggi a Radio CRC: “Da oltre un mese abbiamo inviato alla SSC Napoli una proposta, adesso attendiamo una risposta dal presidente Aurelio De Laurentiis. L’amministrazione comunale vuole operare in sinergia con la squadra, che tanto lustro dà alla città. Da parte mia ho voluto che ci fossero delle modifiche allo stadio San Paolo: la società vuole certezza di poter giocare bene a Napoli, ma se non si chiude quell’atto, non possiamo muoverci”. De Magistris si riferisce ad un contenzioso in corso tra le parti, che vedrebbe il Comune creditore nei confronti del Napoli di circa 5 milioni, milione più milione meno, anche se il club di De Laurentiis si è già accollato diverse spese di manutenzione dell’impianto in passato.

E’ ORA DI MUOVERSI – “Il rapporto con De Laurentiis è sempre lo stesso – ha proseguito De Magistris –. Abbiamo a cuore che qualcuno investa nello stadio, e il Napoli ha interesse nel sapere che venga fatto tutto con grande serenità. Inizialmente si è presa in considerazione anche l’ipotesi di giocare fuori città, ma è un problema superato. Ora però non si può più aspettare: il Comune di Napoli vuole chiudere questo contenzioso anche perché ha bisogno di risorse”.

IN FUTURO LA NAPOLI ARENA? – “Speravo che la convenzione si potesse firmare prima – ha concluso il sindaco -. Sono scaramantico, e finché non ci sarà la firma non potrò dire quanto dureranno i lavori. Non vi dirò come sarà il nuovo San Paolo, bisogna prima firmare la convenzione. Posso solo dire che lo stadio è fondamentale, e se fatto in un certo modo può regalare diversi punti al Napoli”. Ieri in occasione di Napoli-Fiorentina il sindaco è tornato in tribuna Autorità dopo tre partite di assenza conseguenti al gelo calato con De Laurentiis.