SHARE

juventus

La domenica in cui gli occhi del mondo calcistico erano puntati tutti sul Clasico del Santiago Bernabeu, la 29/a giornata del campionato di serie A è scivolata via senza particolari acuti, confermando in buona parte quello che è stata l’andamento stagionale della competizione.

Continua a vigere la regola della Juventus e dell’1-0 in favore dei bianconeri che, in un periodo stagionale di forma non particolarmente eccelsa, continuano a macinare punti e avversari. Gli uomini di Conte escono vincitori dal più classico dei “testa-coda” contro il Catania, riuscendo ad avere la meglio nella battaglia del Massimino grazie al loro guerriero numero 1, quel Carlitos Tevez che più di ogni altro rappresenta l’essenza della stagione da record dei bianconeri. Situazione sempre più preoccupante per gli etnei che solo fra due giorni dovranno vedersela con il Napoli.

Proprio la sconfitta dei partenopei contro la Fiorentina riapre probabilmente la corsa per il terzo posto con i toscani che volano a -7 dagli azzurri. La gara del San Paolo, pur condizionata dall’espulsione di Ghoulam, ha ancora una volta evidenziato le fragilità difensive dei padroni di casa beffati nel finale dal gol di Joaquin. Gode la Roma che già sabato sera aveva sbrigato la pratica Chievo Verona affidandosi alla reti di Gervinho e del solito Destro che continua a viaggiare alla media di un gol a partita. I giallorossi chiudono a doppia mandata la seconda posizione mentre i clivensi scivolano nelle sabbie mobili delle ultimissime posizioni.

Manca per l’ennesima volta la sterzata decisiva l’Inter che fallisce per la quinta volta in stagione il mini-filotto di tre vittorie consecutive e si fa battere a domicilio dall’Atalanta. Gli uomini di Mazzarri, pur perseguitati dai pali e dalla sfortuna, dimostrano di essere una squadra incompleta e ancora lontana dalle primissime posizioni. Arriva la tanto attesa quota 40 per gli orobici che, con quattro vittorie consecutive, sono secondi solo alla Juventus per stato di forma.

In casa dell’altra scontenta del campionato, il Milan trova un punto contro la Lazio e salva (almeno per il momento) la panchina di Seedorf . I rossoneri ritrovano punti che in campionato mancavano da un mese ma comunque vengono scavalcati in classifica dal Torino di Ciro Immobile formato Brazil e dalla Sampdoria forza 5 di Mihajlović che apre ufficialmente la crisi del Verona.

Nella zona salvezza l’unica a sorridere è il Bologna che con la vittoria ai danni del Cagliari stacca le ultimissime e si avvicina pericolosamente proprio ai sardi che, complici le ultime due sconfitte consecutive, rischiano di vivere un finale di stagione tutt’altro che spensierato.

 

SHARE