SHARE

Platini

Aria di novità ad Astana, sede del congresso Uefa presieduto dal suo numero 1, Michel Platini. I temi discussi dopo i primi giorni sono già tanti: dall’idea della Nations League, un nuovo torneo che potrebbe sostituire le amichevoli internazionali, al problema delle partite truccate, passando per la delicata questione Ucraina-Crimea-Russia.

Gli argomenti su cui dibattere non mancano in somma, compresi anche i possibili scenari che vedrebbero il presidente dell’Uefa prossimo a sostituire Joseph Blatter ai vertici della Fifa. Michel Platini non smentisce questa possibilità, anzi, sembra proprio lanciare la sfida al suo non più amico per la pelle Blatter: “Solo una persona può battere l’attuale presidente della Fifa” ha detto il francese in conferenza stampa: “E questa sono io”.

Tra Blatter e Platini in questi anni non c’è mai stato disaccordo e la collaborazione tra i due si è sempre svolta all’insegna dell’intesa, ma a giudicare dalle parole del numero uno Uefa qualcosa sembra essere cambiato. “Riguardo ai cartellini dei calciatori di proprietà di terze parti come fondi e società “ ha continuato “Le Roi”: “E’ il momento di agire e non nascondersi. Blatter abbia il coraggio politico di affrontare il problema. Se non lo farà lui, ce ne occuperemo noi. Non sarò più complice di questa prassi”. 

SHARE