SHARE

De Luca

Sesta vittoria consecutiva per l’Atalanta ed ingresso nella storia per la squadra di Colantuono, che mette in ginocchio un Bologna in grande crisi di risultati, con i tifosi felsinei che anche quest’oggi hanno espresso tutto il loro malcontento nei confronti della società.

E’ però il Bologna a fare la partita nei primi 10 minuti, con l’Atalanta in attesa del varco giusto per colpire in contropiede. Agli uomini di Ballardini però nei primi minuti è mancata la giocata capace di scardinare le maglie di una formazione, quella atalantina, ben messa in campo e che ha spesso costretto il Bologna a velleitari lanci lunghi per le punte sempre troppo sole. E’ la squadra di Colantuono infatti a punire i padroni di casa alla prima occasione; Perez difende male un pallone a centrocampo che De Luca gli sfila con abilità involandosi verso la porta e col mancino fredda Curci dopo aver eluso l’intervento di un paio di difensori. De Luca è l’uomo del momento e pochi minuti dopo si ritrova a difendere e smistare un pallone al limite dell’area verso Estigarribia, che con l’esterno mancino fa 2-0 con un gran gol. Al Dall’ara è clima di contestazione ma in campo il Bologna prova a rispondere ai bergamaschi con Crespo, che impegna Consigli al 26′ con un tiro sul primo palo. Dieci minuti dopo invece è Acquafresca in spaccata a chiamare all’intervento il portiere bergamasco che però si dimostra ancora affidabile. L’Atalanta conduce in porto il primo tempo in attacco grazie a una sgroppata di Estigarribia che mette in mezzo un tracciante rasoterra, sul quale però arriva in ritardo sul secondo palo Bonaventura, che si è poi lamentato per un intervento a suo dire falloso di Natali.

Il Bologna si presenta all’inizio del secondo tempo con una squadra rivoluzionata rispetto alla prima frazione, con l’ingresso di Ibson e Cristaldo a cercare di dare una propensione più offensiva alla manovra. E la mossa di Ballardini sembra avere effetto nei primi minuti con la squadra rossoblu che tiene più alta l’intensità del gioco presentandosi nella metàcampo bergamasca con più continuità, lasciando il fianco ai tentativi di contropiede dell’Atalanta. Il secondo tempo però trascorre senza particolari emozioni, con il Bologna più volitivo ma che non riesce a trovare l’episodio giusto per accorciare le distanze, mentre fuori i tifosi rossoblu si radunavano davanti all’ingresso autorità per manifestare tutta la loro frustrazione nei confronti del presidente Guaraldi.

 

SHARE