SHARE

Bj-OPZzCcAA2KQA

Al Mapei Stadium (ex Stadio Giglio) di Reggio Emilia va in scena il “Lunch Match” della 31° giornata: Sassuolo-Roma. Di Francesco schiera la formazione tipo, nella Roma Totti e Maicon partono dalla panchina. Al loro posto Florenzi e Torosidis.

La Roma parte fortissima e dopo due minuti sfiora il gol con Destro: il suo colpo di testa va a lato di poco. I giallorossi continuano a pressare i neroverdi e li costringono a rimanere sempre nella loro metà campo. All’11′ però si sveglia il Sassuolo: prima prova Sansone da 40 metri, trovando De Sanctis attento e poi sugli sviluppi di un corner, il tiro di Cannavaro da buonissima posizione viene deviato con il piede da Romagnoli, con il portiere romanista battuto. Al 15’ vantaggio Roma: Nainggolan ruba palla a Missiroli sulla trequarti e serve in verticale Destro che, solo davanti alla porta, batte Pegolo con un agevole scavetto. Decimo gol stagionale per l’attaccante ex Genoa e Siena. Con il passare dei minuti la Roma abbassa leggermente il ritmo, ma non lascia spazi al Sassuolo. Al 36’ azione chiave del match: Sansone entra in area, Benatia apparentemente lo mette giù e Rizzoli fischia il rigore. Iniziano una serie di scaramucce fra i giocatori delle due squadre, ma dopo un colloquio con il quarto uomo e con Sansone stesso, Rizzoli riconsegna palla al Sassuolo ma non concede il rigore. Pessima gestione da parte dell’arbitro italiano che andrà in Brasile ai prossimi mondiali.

Nel secondo tempo la Roma ricomincia ad attaccare, nel Sassuolo l’unico a crederci sembra Sansone. Al 53’ occasione per Destro, ma Pegolo para a terra il suo tiro. Al 56’ ci prova Florenzi da fuori, ma il suo destro viene respinto con i pugni da Pegolo. Al 59’ punizione di Pjanic che cerca l’incrocio, ma il portiere non si fa sorprendere e devia in corner. I ritmi sono bassi ma la Roma continua ad essere pericolosa, il Sassuolo non riesce a creare un gioco limpido. Al 73’ ottima occasione per la Roma, con Destro libero a sinistra che serve Gervinho davanti alla porta: l’ivoriano non riesce a concludere e si fa anticipare da Mendes. Nell’ultimo quarto d’ora il Sassuolo gioca con quattro punte e il baricentro alla Roma si abbassa. La possibilità del pareggio è sui piedi di Zaza dopo una meravigliosa azione personale di Sansone, ma il suo tiro viene sporcato e De Sanctis blocca agevolmente. Nel finale in fase di impostazione palla persa da Mendes sulla trequarti, Taddei serve Bastos che davanti a Pegolo non sbaglia: 2-0 e partita chiusa.

La Roma batte il Sassuolo rischiando qualcosa nel secondo tempo e si porta a 70 punti, momentaneamente a -11 dalla Juve e +9 dal Napoli. La partita fra le due squadre stasera al S.Paolo e il recupero della gara contro il Parma di mercoledì saranno decisive per il secondo posto. Il Sassuolo ci mette il cuore, ma non basta: sempre penultimo con 21 punti.

Sassuolo-Roma 0-2: 15’ Destro, 95’ Bastos.

Sassuolo (4-3-3): Pegolo, Gazzola, Mendes, Cannavaro, Longhi, Biondini (62’ Zaza), Chibsah, Missiroli, Berardi (80’ Farias), Floccari (75’ Masucci), Sansone.

Roma (4-3-3): De Sanctis, Torosidis, Benatia, Castan, Romagnoli, Nainggolan, De Rossi, Pjanic (72’ Taddei), Florenzi, Destro (78’ Totti), Gervinho (84’ Bastos).

Ammoniti: Mendes, Romagnoli

SHARE