SHARE

Scuffet

UDINESE 6 In una partita in cui le motivazioni latitano i ragazzi di Guidolin sfoderano una prestazione ordinata, senza particolari acuti al di fuori del contropiede che ha portato al gol Di Natale e alle grandissime parate di Scuffet

Scuffet 7.5 Prestazione eccezionale dell’estremo difensore friulano: sicuramente la più bella sorpresa dell’annata dell’Udinese, si rende protagonista sia in apertura che in chiusura di match salvando il risultato a più riprese

Domizzi 6.5 Prestazione attenta dietro, mezzo voto in più per il salvataggio in avvio di match su un tiro a botta sicura di Bergessio

Danilo 6 Non sempre sicurissimo, prestazione zoppicante: se la cava comunque grazie all’apporto dei compagni di reparto

Heurtaux 6 Bello il lancio su Di Natale per il contropiede dell’1-0, dietro prestazione ordinata anche se dalla sua parte i rossazzurri spingono di più

Gabriel Silva 5.5 prestazione non eccezionale: spinge poco o niente, in fase difensiva non ha particolari patemi d’animo grazie alla scarsa vena offensiva di Keko

Pereyra 6 In difficoltà da mezzala, Guidolin con l’uscita di Basta lo delega sulla destra e lui di inserisce con regolarità trovando anche l’assist dell’1-0 (dall’81’ Widmer SV)

Allan 6.5 Mette ordine a centrocampo, altra prova di spessore per il metodista brasiliano che sta vivendo una stagione da protagonista

Pinzi 6 Si sacrifica molto e da il consueto apporto alla squadra, prova un paio di inserimenti ed esce dal campo stanchissimo

Basta 5.5 Partita sottotono per l’esterno serbo che spinge moltissimo, ma raramente in maniera ordinata: esce sfinito (dal 60′ Badu 6 Fa diga a centrocampo nel momento in cui l’Udinese alza le barricate)

Nico Lopez 5 Beccato dal pubblico di casa, nella prima frazione è assente non giustificato: si fa vedere solo in occasione di un clamoroso gol sbagliato (dal 46′ Fernandes 6.5 Bell’impatto sulla partita, lancia Pereyra e si rende protagonista di molte buone giocate)

Di Natale 6.5 Quando serve c’è sempre: dopo un primo tempo incolore sale in cattedra, orchestrando i contropiedi friulani e concludendo l’azione dell’1-0

CATANIA 5 Parte bene, ma si scioglie come neve al sole alla prima difficoltà. Tenta un disperato assalto nel finale, ma è troppo poco per una squadra che desidera salvarsi

Andujar 7 Tiene a galla i suoi con almeno tre interventi miracolosi: è costretto a capitolare solo davanti a Di Natale che a porta vuota non sbaglia

Monzon 6 E’ fra i più in forma dei suoi, spinge come un dannato e mette in difficoltà Scuffet con le sue doti balistiche dalla distanza

Bellusci 6 Finisce la partita senza particolari patemi, l’Udinese in attacco è poca cosa soprattutto nel primo tempo e lui sbaglia poco

Gyomber 5 Disastroso al 30′ del primo tempo, rischia di regalare il gol del vantaggio a Di Natale: queste distrazione ad alti livelli rischi di pagarle care

Izco 6 Spinge come un dannato il capitano della squadra etnea, complice un Gabriel Silva non al top della forma: non basta, ma lascia il campo sfinito e senza che gli si possa rimproverare niente (dall’87’ Peruzzi SV)

Plasil 6.5 Il più positivo del centrocampo etneo, si va vedere con dei begli inserimenti ed impensierisce seriamente Scuffet nella prima frazione: lascia in campo durante l’assalto finale (dall’82’ Fedato SV)

Lodi 5.5 Sbaglia molti palloni facili, non è la sua partita: parte ispirato e detta i tempi alla squadra, alla distanza va in difficoltà: carenza di energie

Rinaudo 6 Gira come una trottola pressando a più non posso: scarsamente aiutato dai compagni molto più compassati, finisce per consumare energie correndo a vuoto

Keko 5 Estremamente fumoso, è il peggiore dei tre attaccanti rossazzurri: prova un sacco di giocante, ma non ne azzecca praticamente una (dal 64′ Leto 5.5 Ci prova solo contro tutti e la maggior parte delle volte finisce per buttar via il pallone)

Barrientos 6 E’ quello con più estro, e ad inizio partita si carica la squadra sulle spalle cercando diverse volte l’iniziativa personale: cala alla distanza e si eclissa dal campo

Bergessio 5 E’ sempre molto nervoso e nella ripresa alza il gomito: la squalifica non gli è bastata. Mettesse sottoporta la stessa convinzione probabilmente i rossazzurri avrebbero qualche problema di classifica in meno

SHARE