SHARE

cerci

E’ un Alessio Cerci a 360° quello che si è presentato alla trasmissione Tiki Taka, condotta da Pierluigi Pardo e in onda tutti i lunedì su Italia1. Accostato a più riprese alla Juventus, l’ala del Toro è stata bocciata dall’opinionista Giampiero Mughini, che l’ha definito “attaccante che sta su a prendere il tè aspettando palloni giocabili“. Piccata la risposta dell’attaccante romano, che ha ribadito: “Forse si riferiva al Cerci di 5-6 anni fa. Adesso sono cresciuto e faccio entrambe le fasi, anzi, sono veramente in pochi che fanno il lavoro che faccio io“.

La pensa in maniera diversa il CT Cesare Prandelli, che l’ha convocato in praticamente tutte le occasioni possibili: “Il mister mi apprezza perché ho caratteristiche uniche, che è difficile ritrovare in altri giocatori: non per questo ho il posto assicurato. Devo ringraziare molto Ventura perché mi ha fatto crescere, se sono arrivato qui lo devo a lui“.

Cerci ha poi risposto anche alle domande sulla Roma, squadra con la quale ha esordito e della quale, come dichiarato anche durante la trasmissione, è tifoso: “E’ molto difficile per la Roma, ma spero che i giochi rimangano aperti: la Juventus è fortissima e sbaglia pochissimo, ma la Roma è una squadra che gioca davvero bene a calcio. Garcia è un fenomeno, il merito di questa stagione è suo: devono crederci fino alla fine“.

SHARE