SHARE

diegoribas

Per il Derby di Spagna che vale l’approdo in Semifinale, si affrontano per il match di andata al Camp Nou Barcellona e Atletico Madrid. Entrambe le squadre sembrano in forma smagliante, e la splendida corsa nella Liga (che coinvolge anche il Real Madrid) ne è la testimonianza. La Champions League però fa storia a sé: niente schemi o classifiche. Contano solo grinta, fortuna e cuore. E dunque, entrambe alla pari, aldilà di tutto.

Prima occasione per l’Atletico: il sinistro di David Villa, il grande ex, non trova fortuna.  Ancora David Villa, stavolta col destro, crea problemi alla difesa del Barca, che sembra patire l’ottimo inizio della squadra di Simeone. Tegola Barca al 12′: Pique costretto ad uscire per infortunio, dentro Bartra che, dunque, dovrà vedersela contro Diego Costa. Difesa in emergenza per il Barcellona che, dopo aver perso già Victor Valdes, dovrà valutare l’entità del problema di Pique in questo momento delicato della stagione. Dopo un inizio complicato, il Barca equilibra la partita con una presenza più costante nella metà campo dei Colchoneros: Neymar fa compiere la prima parata a Courtois con un colpo di testa in verità debole e centrale. La difesa dell’Atletico sembra non soffrire più di tanto e lascia giocare i padroni di casa ma al 28′ Simeone perde il suo attaccante principe: Diego Costa è costretto ad uscire per via di un guaio muscolare, al suo posto l’ex Juve Diego. Gara che dunque deve fare a meno di un altro protagonista importantissimo, ed entrambi i tecnici sono stati già costretti ad effettuare un cambio a testa. Il match è molto intenso ma non brilla di certo in quanto a spettacolo e dopo qualche occasioncina per il Barcellona (le più “importanti”: Messi di testa, blocca Courtois e Neymar di poco alto col destro) e una per l’Atletico (di nuovo Villa, stavolta è Pinto a dire di no) il primo tempo termina, senza troppi acuti, sullo 0-0. Partita che ha stentato a decollare, anche per via del gioco abbastanza spezzettato e dei cambi prematuri effettuati.

Il secondo tempo si apre con un altro tentativo di Neymar, che continua a non inquadrare la porta. Messi, al contrario, sembra non vivere una serata all’insegna della continuità e questo non può che penalizzare i suoi. L’Atletico Madrid capisce che “si può fare” e arriva il vantaggio al 56′ con una magia di Diego che trova un destro da posizione impossibile che infila Pinto, il quale paga sicuramente le infinite panchine che gli hanno minato la mobilità nel ritmo partita. 0-1 per la squadra di Simeone, dunque, che approfitta della serata opaca degli avversari trovando un gol prezioso a prescindere. Il Barcellona sembra subire il colpo psicologico e la reazione fatica ad arrivare. Prova a scrollarsi la paura di dosso Busquets, ma la sua bella conclusione da fuori è deviata da Courtois in calcio d’angolo. L’Atletico continua a dimostrare rocciosità in retroguarda, così Martino getta nella mischia Alexis Sanchez in luogo di uno spento Fabregas. E’ però Iniesta, con una giocata sublime, a plasmare il gol del pareggio: passaggio magnifico per Neymar che, finalmente, la mette dentro col piattone destro e pareggia i conti. Lo stesso Iniesta s’inventa un bellissimo destro da fuori area, Courtois risponde da campione ed evita il secondo gol blaugrana. Dopo una gara in controllo, l’Atletico soffre il ritorno del Barcellona, anche se Messi sembra ancora un fantasma avulso dal gioco. Il Barca ora domina e il possesso palla riprende contorni da tiki taka, il Madrid non esce più dalla sua metà campo. Messi cerca l’acuto nonostante una partita insufficiente e quasi lo trova con una punizione bellissima, ancora una volta però Courtois ci mette una pezza in tuffo. Nei 3′ di recupero non succede nulla e l’1-1 finale è un risultato che tiene ancora aperta la storia qualificazione. Grandissimo equilibrio tra le due squadre: in 4 gare ufficiali tra Supercoppa di Spagna, Liga e Champions League 4 pareggi. Il Derby di Spagna per ora non ha un padrone, vedremo se lo troverà la settimana prossima.

 

TABELLINO

BARCELLONA (4-3-3): Pinto; Dani Alves, Pique (12′ Bartra), Mascherano, Jordi Alba; Xavi, Busquets, Fabregas (67′ Fabregas); Iniesta, Messi, Neymar. All. Martino

ATLETICO MADRID (4-4-2): Courtois; Juanfran, Godin, Miranda, Filipe Luis; Arda Turan (77′ Rodriguez), Gabi, Tiago, Koke; Villa (69′ Sosa), Diego Costa (29′ Diego). All. Simeone

ARBITRO: Brych (GER)

MARCATORI: 56′ Diego (A), 71′ Neymar (B)

AMMONITI: Koke, Gabi, Arda Turan, Juanfran, Diego, Sosa (A); Iniesta, Jordi Alba (B)

SHARE