mercoledì, Gennaio 26, 2022

Latest Posts

Matija Nastasic, il centrale serbo dei “Citizens”

nastasic

Maidirecalcio continua a presentarvi i 101 migliori giovani talenti al mondo, almeno secondo Don Balon. Oggi è il turno di Matija Nastasic, vecchia conoscenza del calcio italiano ora al Manchester City.

Nome: Matija Nastasicnastasic 1

Data di nascita: 28/3/1993

Luogo di nascita: Valjevo (Serbia)

Altezza: 187 cm

Ruolo: difensore centrale

Piede: sinistro

 

CARRIERA – Nato a Valjevo, Nastasic ha dato i primi calci ad un pallone nella scuola calcio privata Valis, passando poi ad altre due squadre cittadine (lo ZSK e l’FK Budućnost) prima di essere notato dagli osservatori del Partizan Belgrado che lo acquista nel 2008. Dopo un paio d’anni nel settore giovanile, nel gennaio 2010 è stato mandato in prestito in prima divisione serba nel Teleoptik, dove è rimasto anche l’anno successivo. Il 13 dicembre 2010 viene acquistato dalla Fiorentina per 2,5 milioni di euro e firma con i viola un contratto fino al 2014. Con i viola si mette immediatamente in luce, totalizzando 25 presenze e due gol nella sua unica stagione italiana. Il 31 agosto 2012, infatti, viene acquistato dal Manchester City per la considerevole cifra di 16 milioni di euro più il cartellino di Stefan Savic. Dopo le 21 presenze nella scorsa stagione, Nastasic quest’anno è stato frenato da dei problemi cronici alla caviglia, scendendo in campo in poche occasioni (solo 11 le partite da titolare). Capitano delle selezioni giovanili della Serbia, dal 2012 il centrale è nel giro della nazionale maggiore del suo paese, con la quale ha totalizzato 12 presenze.

CARATTERISTICHE – Giocatore potente e fisicamente imponente (187 cm x 80 kg), Nastasic viene spesso paragonato ai connazionale Vidic anche se le differenze fra i due sembrano evidenti. Mancino naturale, il giocatore è un elemento con ampi margini di crescita che fa del contrasto, del tackle e della personalità (è già stato capitano di quasi tutte le squadre in cui ha militato, ad eccezione del Manchester City) i suoi punti di forza. Pericoloso anche in fase offensiva e dotato di un buon tiro da fuori, il serbo pecca in concentrazione,  come dimostrato dalla “frittata” fatta, in coabitazione con Hart,  in occasione della gara d’andata di quest’anno contro il Chelsea. Alcuni acciacchi fisici ne stanno frenando l’esplosione, ma il calciatore serbo è sicuramente uno dei più interessanti prospetti del calcio europeo.

http://www.youtube.com/watch?v=LxnfKoOWmWE

 

Latest Posts

Don't Miss