SHARE

sal

L’ultima partita del Sabato di Premier, in questo 33/o turno, ha come protagoniste Chelsea-Stoke City. Chelsea che risponde alla vittoria nel pomeriggio del Manchester City e, dopo una gara mai in discussione, porta a casa 3 punti fondamentali per la corsa alla Premier League. Mourinho opera un mini turnover, lasciando in panchina Hazard e Oscar e preferendo Salah e Willian; Lampard, in mezzo, sostituisce Ramires a fianco del solito Matic, titolarissimo in Premier a causa dell’impossibilità, per il serbo, di disputare partite di Champions con la maglia del Chelsea.

Nel primo tempo i Blues dimostrano di voler raddrizzare una settimana stortissima, nata con la sconfitta di Sabato scorso contro il Crystal Palace e proseguita nella debalcle infrasettimanale contro il Paris Saint- Germain. Torres, per lui solo cinque reti nelle ultime 42 presenze, cerca fin da subito di rendersi pericoloso e, al 9′, costruisce la prima occasione da rete per il Chelsea, sparando dai venti metri di poco fuori dalla porta difesa da Begovic. Nella prima frazione di gioco lo Stoke City non si vede praticamente mai, lasciando di fatto il pallino del gioco nelle mani dei centrocampisti del Chelsea, preferendo difendersi con dieci uomini sotto la linea della palla. Il Chelsea così ha l’opportunità di andare più volte al tiro e solo gli interventi risolutori di Begovic, al 19′ su Willian e al 25′ su Torres, permettono ai Potters di rimanere in partita. Al 34′ il Chelsea riesce comunque a passare in vantaggio: bel movimento di Matic sugli sviluppi di un fallo laterale dalla sinistra, cross tagliato e girata mancina di Salah sul secondo palo, lasciato colpevolmente colpire indisturbato da Peters. Dopo l’1-0 il Chelsea continua a premere lo Stoke nella sua trequarti e, al 42′, riuscirebbe anche a trovare la rete del raddoppio con Ivanovic, abile a colpire di testa su un invitante cross di Lampard dalla destra. L’incornata vincente del serbo viene però resa vana dall’assistente del signor Probert, il quale scorge la posizione di partenza irregolare del terzino destro dei Blues e alza correttamente la bandierina decretando il fuorigioco.

Nella ripresa la musica non cambia, anzi al 61′ il Chelsea ha l’occasione per raddoppiare su calcio di rigore. Hazard, appena entrato, serve Salah che viene steso in area da un goffo intervento di Wilkinson, anch’esso entrato nel secondo tempo. Dal dischetto si presenta Lampard che calcia di potenza alla sinistra di Begovic; il portiere bosniaco indovina l’angolo ma non può niente sulla ribattuta, ancora del numero 8 dei Blues, che firma così il 2-0 per la squadra di Mourinho. Lo Stoke non riesce mai ad impensierire Cech e, dopo un’occasione concessa a Torres al 63′, capitola al 72‘. Willian, lasciato solo sulla trequarti, punta la porta e, non trovando alcuna opposizione, calcia a giro dal limite dell’area: Begovic non può far altro che ammirare la traiettoria liftata del pallone che si insacca all’incrocio dei pali, sancendo il 3-0 per la squadra di casa.

Nel finale i Blues, oggi mai domi, mettono ancora in difficoltà la difesa dei Potters. All’81’ Salah supera di slancio tre avversari e, toccato da Peters, cade in area di rigore; l’arbitro Probert non ravvisa però gli estremi per il secondo rigore di giornata, facendo disperare a terra il giovane egiziano.

Dopo tre minuti di recupero arriva il triplice fischio del signor Probert. Il Chelsea, in virtù di questa vittoria, ritorna momentaneamente in vetta alla Premier, dovendo però aspettare la gara di domani del Liverpool contro il West Ham. Lo Stoke di Mark Hughes, oggi mai veramente in partita, è già salvo da un pezzo e, visto anche l’atteggiamento odierno, sembra non aver più niente da chiedere da queste ultime giornate di campionato.

SHARE