SHARE

raul garcia

Sfida d’alta quota al Vicente Calderon. L’Atletico Madrid ha l’obbligo di centrare i tre punti per tenere a distanza Barcellona e Real Madrid nella corsa al titolo, mentre il Villarreal cerca punti preziosi per entrare in zona Europa. Simeone schiera il solito 4-4-2 ma deve fare a meno di Diego Costa, infortunatosi al Camp Nou. Al suo posto, a far coppia con l’ex juventino Diego, c’è David Villa. Garcia Toral, invece, non può contare sui punteros Uche e Giovani dos Santos: dentro Joan Roman (classe ’93 scuola Barça) e Perbet.

RAUL INCORNA – Il filone della gara è immediatamente chiaro: i colchoneros hanno il pallino del gioco e si affidano alle verticalizzazioni di Koke e alle intuizioni di Diego, mentre il “sottomarino giallo” punta a recuperar palla e ripartire in velocità. L’inizio è di marca biancorossa, con Diego e Koke che si rendono pericolosi dalle parti di Asenjo. Al 14′ gli uomini del Cholo trovano già il vantaggio: angolo di tagliato di Koke dalla destra, capitan Raùl Garcia (forse aiutandosi con una spintarella sul suo marcatore) incorna e l’Atletico passa. Gli ospiti, troppo passivi nel primo quarto d’ora, con il gol subìto si scuotono e attorno alla mezz’ora sfiorano il pari in due occasioni. Prima  Alderweireld mura una conclusione a botta sicura di Perbet dopo uno scambio con Cani, poi Trigueros si incunea nell’area madrilena e mette in mezzo senza trovare nessun compagno. Dopo un incursione di Koke senza fortuna, l’arbitro fischia due volte mandando le squadre negli spogliatoi al termine di una prima frazione giocata soprattutto a centrocampo.

MURO COLCHONEROS – Nella ripresa il Villareal alza il suo baricentro, ma l’Atletico tiene bene e riparte rapidamente. Al 53′ Villa prova a sorprendere Asenjo da fuori: facile per il portiere di proprietà proprio dei madrileni. La partita scorre via senza grosse emozioni, con i gialli che faticano a rendersi pericolosi dalle parti di Courtois e i padroni di casa che amministrano il vantaggio senza troppi patemi. Al 74′ ancora Raùl Garcia impegna Asenjo con un destro da fuori, mentre l’ex Napoli Sosa (entrato al 70′ al posto di Diego) chiude troppo l’angolo di tiro e la palla termina a lato. Negli ultimi dieci minuti il Villareal si lancia all’arrembaggio ma il fortino biancorosso resiste baciato anche dalla buona sorte in un paio d’occasioni. Al triplice fischio il Calderon esplode in un boato: il sogno dei colchoneros continua.

 

 

 

SHARE