SHARE

grassi

La lezione è servita ad Alberto Grassi, giovane centrocampista della Primavera dell’Atalanta, per crescere e maturare. Il 19enne mediano degli orobici si era reso protagonista in negativo un mese fa di uno spiacevole episodio (leggi qui): durante una partita di campionato il ragazzo si rivolse in modo sgarbato al nigeriano Salifu del Verona dicendogli: “Va via, vu cumprà”.

CAPITO LO SBAGLIO – In seguito al fatto Grassi è stato squalificato per 10 giornate, in seguito alle quali l’Atalanta non ha presentato ricorso ritenendo giusto il provvedimento preso nei confronti del giovane calciatore. Lo stesso Grassi sta anche svolgendo attività di volontariato al Patronato San Vincenzo di Sorisole di don Fausto Resmini.

LA DURA REALTA’ – Il “canterano” dell’Atalanta si è ravveduto dell’errore commesso e alla Gazzetta dello Sport ha dichiarato:E’ bello essere qui ad aiutare le persone meno fortunate di me. Ho commesso un errore, ma non sono razzista. Questa è la cosa che ha ferito di più me e la mia famiglia. Ora qui ho la possibilità fare un’esperienza unica, tosta. Ho visto cose che non avrei mai immaginato, persone senza una famiglia lontane da tutto”.