SHARE

atlmad

Una due giorni di Champions League esaltante ha travolto tutti gli appassionati di calcio: tra risultati ribaltati ed equilibri sbilanciati la noia non si è fatta vedere su nessuno dei quattro campi. Ma la squadra che più di tutte ha catturato l’attenzione è l’Atletico Madrid di Diego Pablo Simeone, che batte il Barcellona per 1-0, gol di Koke, sfiorando innumerevoli volte il raddoppio, rischiando veramente poco ma soprattutto  mostrando uno spirito di gruppo ed una voglia trascinante di andare avanti fuori dal comune.

Tutto merito di Simeone? Forse non tutto, ma la rabbia agonistica, lo spirito guerriero, la mentalità vincente di Diego “El Cholo” Simeone sono estremamente visibili. Non a caso i “colchoneros” si ritrovano in semifinale di Champion’s League per la prima volta dal lontano 1974 e al primo posto in classifica nella Liga, a +1 proprio dai blaugrana. Barcellona che non usciva prima delle semifinali dalla stagione 2006/2007, quando venne battuta dal Liverpool negli ottavi di finale.

Strepitoso il cammino dei ragazzi dell’Atletico (età media 27,3 anni) fino a questo punto: girone superato agevolmente con 5 vittorie ed un pareggio, 15 reti fatte e 3 incassate, lasciandosi alle spalle nell’ordine Zenit, Porto e Austria Vienna; agli ottavi la vittima sacrificale è stata il Milan (ricordate i sorrisini soddisfatti dei dirigenti rossoneri durante il sorteggio?), superato con un sonoro 5-1 aggregato (0-1 a Milano, 4-1 a Madrid); tocca poi ai rivali connazionali del Barcellona, pareggio 1-1 al Camp Nou, vittoria 1-0, ieri sera al Calderòn. Questa scalata trionfale rende l’Atletico l’unica delle semifinaliste ad essere imbattuta fino ad ora.

In attesa del sorteggio per le semifinali, che avverrà venerdì a Nyon, un dato beneaugurante per l’Atletico: le ultime quattro squadre che sono riuscite nell’impresa di eliminare il Barcellona (Manchester United nel 2008, Inter nel 2010, Chelsea nel 2012, Bayern Monaco nel 2013) hanno poi alzato La Coppa dalle grandi orecchie. Quindi, colchoneros, fate i dovuti scongiuri, e iniziate ad organizzare un viaggio a Lisbona!