SHARE

Johan Cruijff

Johan Cruijff ha la soluzione ai problemi del Barcellona: riportare immediatamente Pep Guardiola sulla panchina blaugrana. L’interprete simbolo del calcio totale, ex allenatore e giocatore del Barcellona, è stato intervistato da “Mundo Deportivo” per parlare della mini crisi che ha colpito Messi e compagni. Fuori dalla Champions e a in Liga -4 dall’Atletico Madrid capolista, al Barcellona non resta che la Copa del Rey (stasera cronaca e pagelle su MaiDireCalcio). Per Cruijff la soluzione a tutti i mali è Pep Guardiola: “Quando tornerà ad essere il presidente del club Joan Laporta gli andrò a dire che la cosa migliore da fare è far firmare Pep e siccome è una persona intelligente, sono sicuro che lo farà”.

Dalle parole dell’olandese è evidente il poco apprezzamento per la gestione di Josep Maria Bartomeu: “Quelli che sbagliano sono loro, non l’allenatore, non il calcio. Sono proprio loro quelli che trasformano il calcio in un unico grande business e ne approfittano. Laporta ha fatto il presidente e delegava a chi conosceva il calcio. A Txiki, a Rijkaard e infine a Pep. Tutto il mondo può dire la sua, ma quelle persone scelte conoscevano il calcio e prendevano le loro decisioni in autonomia. Laporta faceva il presidente e difendeva le loro idee, per questo il club funzionava. Ci sono stati grandi momenti e momenti no, però a conti fatti è stato un ciclo fantastico per i titoli conquistati e il calcio realizzato”.

Infine Cruyff ha parole anche per Messi: “E’ un’assurdità criticarlo. Messi era il miglior giocatore del mondo, prima dell’eliminazione della Champions. Dopo la sconfitta si è messo in dubbio tutto! Il Barcellona ha un problema strutturale. Il presidente vuole fare l’allenatore e anche il manager, questo è il suo problema”.