SHARE

mattia destro

La Corte di giustizia federale non ha accolto il ricorso del centravanti della Roma, Mattia Destro, dopo la squalifica per il contatto con Astori. Restano le tre giornate di squalifica (più la quarta arrivata dall’ammonizione perché il giocatore era in diffida).

Nel pomeriggio la Corte ha preso in esame il ricorso per la squalifica comminata dal giudice sportivo Tosel per il contatto con Astori. L’udienza era terminata intorno alle 15.30, alle 18 è poi arrivata la sentenza negativa. Destro è stato punito con l’uso della prova tv per una botta in pieno volto rifilata ad Astori, ma secondo la Roma l’episodio era già stato valutato in campo dall’arbitro e ciò non avrebbe consentito l’utilizzo a posteriori delle immagini televisive. A rappresentare il club c’erano il d.g. Baldissoni e l’avvocato Conte che hanno presentato anche l’elenco dei precedenti, dal 2005, di squalifiche revocate e ridotte (compresi i recenti casi Frey e Amauri).

Baldissoni e Conte hanno contestato  l’ammissibilità dell’uso delle immagini televisive, anche perché il comportamento di Destro in campo è stato sanzionato dall’arbitro Massa con la punizione a favore del Cagliari.
Tuttavia non sono riusciti a far cancellare i tre turni di stop, ed inoltre nessuno sconto neppure sostenendo la condotta non violenta del gesto dell’attaccante e portando le immagini  in cui si vede che Destro nemmeno guarda Astori, quando lo colpisce.

SHARE
Previous articleSebastiano Nela, il grande lottatore della Roma
Next articleHernan Crespo professore per un giorno alla Cattolica di Milano
Classe '85. Fondatore e direttore editoriale di MaiDireCalcio (ora Contrataque), istintivo sognatore napoletano. Ho scritto per PianetaNapoli.it, ora sono redattore per NapoliCalcioLive.com, web content per jobyourlife.com e pagellista per calciomercato.it. Laurea in Economia, giornalista pubblicista, baggista e folle appassionato del Crystal Palace. Twitter @claudioc7 Facebook facebook.com/ChandlerBing85